Parole chiave

Fed funds future

Tra i mercati del credito, particolare importanza rivestono i future e le opzioni sui Fed funds, spesso usati per proteggere (hedging) le posizioni degli investitori istituzionali sui tassi d'interesse. Questo mercato attrae anche parecchi investitori speculativi. Dal prezzo dei future si ricava il tasso implicito degli stessi Fed funds nelle varie scadenze mensili. Quel valore è anche una stima attendibile dei mercati sull'andamento della politica monetaria della banca centrale americana.

Ultimo aggiornamento 29 agosto 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fed |

Ultime notizie su Fed funds future

    Perché le banche centrali non hanno esaurito il loro compito

    La cassetta degli attrezzi delle autorità monetaria non si è esaurita: dagli acquisti di azioni ai tassi «profondamente negativi» fino al controllo della curva dei rendimenti sono diverse le opzioni ancora possibili

    – di Riccardo Sorrentino

    Il coronavirus è stato soltanto lo spillo che ha bucato la grande bolla

    Il COVID-19 ha un merito, non discrimina, tocca ricchi, poveri e persino i potenti. Di recente è atterrato negli States (più probabilmente era già qui). Non ha risparmiato nessuno. Nemmeno i mercati che sono ormai in panic mode e risk off (risk on= appetito per investire, risk off= il contrario). Gli avvoltoi girano sulle carcasse dei mercati, i Bears che aspettavano questo crollo hanno iniziato le loro short positions (quando compri FIAT perché credi che il prezzo salga, vai long. Quando vendi ...

    – Gianluca De Stefano

    I tweet di Trump fanno paura al mercato. Solo se parlano di dazi

    La Federal Reserve, e in particolare il suo presidente James Powell, sono più volte finiti nel mirino dell'inquilino della Casa Bianca, eppure il mercato pare non aver preso troppo sul serio gli attacchi lanciati all'indipendenza stessa della Banca centrale Usa. Lo spiega uno studio di Goldman Sachs

    – di Maximilian Cellino

    Borse euforiche e spread ai minimi, ma il rally è sostenibile?

    Una parziale marcia indietro è coincisa con l'ultima seduta della settimana e con la diffusione del dato sul mercato del lavoro Usa. Il listino milanese ha chiuso con un progresso del 3,5%, tornando sui massimi da quasi un anno

    – di Maximilian Cellino

    Quanti rischi nel 2019. Ecco 10 ragioni per mettere al sicuro i nostri soldi

    L'anno in corso è di difficile previsione. Nel 2019, nel mondo: 1) i fondamentali macroeconomici rimarranno deboli. Per i mercati, i rischi sono più alti che nel 2018. I fattori di rischio più importanti - che potrebbero creare dislocazioni di mercato, quali una correzione, un ribasso ("bear market"), o addirittura un crollo ("market crash")[iv] - sono: 1) il combinato congiunto di: i) una decelerazione della crescita (e di conseguenza, del fatturato e degli utili societari); accompagnata da: ...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    Fed cauta sui prossimi rialzi: resterà «paziente» sui tassi

    E' una Federal reserve molto cauta, quella che emerge dalla prima riunione dell'anno del Fomc, il Comitato di politica monetaria. Pur ribadendo la solidità della ripresa americana, la Banca centrale Usa ritiene che «alla luce degli sviluppi economici e finanziari globali, e alle deboli pressioni

    – di Riccardo Sorrentino

    Il crollo di Apple (-10%) travolge Wall Street. Corsa a oro e yen, balzo dello spread

    L'aria di tempesta su Wall Street contagia le Borse europee: con l'eccezione di Milano e Londra (che limitano le perdite), i listini pagano il taglio delle stime di Apple sul trimestre ottobre-dicembre e con esso i timori per un rallentamento della congiuntura globale. Chiusura in forte calo a New

    – di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

1-10 di 108 risultati