Parole chiave

Farmaci orfani

I farmaci orfani sono quei medicinali efficaci nel trattamento di alcune malattie che non vengono prodotti o immessi sul mercato a causa della domanda insufficiente a coprire i costi di produzione e fornitura.Lo status di orfano viene dato ad un determinato farmaco al fine di incoraggiarne lo sviluppo in quanto necessario per curare una determinata patologia, nonostante sia, dal punto di vista dei costi, insufficientemente remunerativo per le aziende farmaceutiche, se sviluppato in circostanze normali. Si tratta di molecole prodotte in genere per curare malattie rare.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Farmaco orfano |

Ultime notizie su Farmaci orfani

    La spinta dell'innovazione sulla farmaceutica made in Italy

    Innovazione e valore. Quando si pensa al farmaco, diventa quasi un'equazione indissolubile quella che porta a migliorare il benessere delle persone grazie alla ricerca e la ricaduta in termini economici, sociali e scientifici dei medicinali. Un dato per tutti. La produzione nel 2020 ha raggiunto un

    – di Federico Mereta

    Pharma motore di innovazione

    Sono sempre di più le industrie farmaceutiche che lavorano in partnership con università centri di eccellenza, enti no profit. Il risultato a oggi sono gli oltre 300 farmaci biotech in sviluppo,

    – di Barbara Gobbi

    Farmindustria: investiti in ricerca e sviluppo 1,65 miliardi

    Nel 2018 le imprese del farmaco hanno investito in ricerca e sviluppo 1,65 miliardi, il 7% del totale degli investimenti in Italia, con una crescita di quasi l'8% rispetto al 2017. E' quanto emerge dal rapporto Farmindustria presentato dal presidente Massimo Scaccaborozzi nel corso dell'assemblea.

    – di Scuola24

    Nel 1978 il via libera ai brevetti. Ora il farmaco italiano è leader

    Nel 1899, l'Aspirina - di Bayer - fu registrata, nel mondo, con il marchio dell'acido acetilsalicilico. Il brevetto farmaceutico, invece, in Italia, compie, quest'anno 40 anni. Tra alti e bassi. Era, infatti, il 1978 quando la Corte costituzionale sentenziò che il brevetto farmaceutico non era

    – di Laura Cavestri

    Farmaci made in Italy pronti al sorpasso sulla Germania

    L'industria farmaceutica italiana chiude il 2017 consapevole di essere stata un motore di crescita per il Paese, con un salto nell'export del 73% dal 2010 a oggi e una produzione a +21 per cento. Stime annuali molto positive, con un +3% per la produzione e un +12% sulle vendite all'estero. E

    – di Rosanna Magnano

    Farmaci biotech: made in Italy in crescita del 7%

    Dalle «smart pills» che rilasciano il principio attivo solo in un preciso momento a vettori con funzione di "postini" indirizzati verso tessuti specifici, dall'intelligenza artificiale alle nanotecnologie. Sono le biotecnologie della salute. Un settore con un giro d'affari nazionale di 8,4

    – di Rosanna Magnano

    Recordati, la sfida globale nelle malattie rare. La spinta delle acquisizioni

    Proseguire nella diversificazione e sviluppo del portafoglio dei farmaci: sia attraverso la crescita organica che quella per linee esterne. Ancora: continuare nella spinta nel settore delle malattie orfane. Inoltre: sfruttare la leva dell'M&A. Sono tra le priorità di Recordati, indicate nello

    – di Vittorio Carlini

    Progetti di innovazione per la vita

    Quando si discute di malattie rare si fa strada il pensiero che i pazienti che ne sono affetti non riescano a ricevere cure, sia per mancanza di fondi sia per la scarsa attenzione da parte del mondo della ricerca e delle aziende farmaceutiche. Ma questo si verifica non vero, perché l'interesse che oggi è rivolto ai farmaci per le malattie rare, detti «orfani», è testimoniato dai dati riguardanti le nuove immissioni in commercio e le normative che nell'Unione europea ne incentivano il mercato. M...

    – Maristella Ruggero

1-10 di 27 risultati