Parole chiave

Esportatore abituale

Chi effettua cessioni all’esportazione (e/o operazioni assimilate) non imponibili per un importo superiore al 10%del volume d’affari, acquisisce lo status di esportatore abituale. A tale qualifica è associata la possibilità di effettuare acquisti di beni/servizi e importazioni senza applicazione dell’Iva nei limiti del cosiddetto plafond, pari all’importo delle operazioni rilevanti a tali fini eseguite nell’anno solare precedente (plafond fisso) o nei 12 mesi precedenti (plafond mobile).

Ultimo aggiornamento 04 settembre 2017

Ultime notizie su Esportatore abituale

    Dichiarazione d'intento

    Adempimento: Termine ultimo per la comunicazione, all'Agenzia delle Entrate, dei dati contenuti nelle dichiarazioni d'intento emesse.Il fornitore deve controllare telematicamente l'avvenuta comunicazione alle Entrate da parte dell'esportatore abituale della lettera d'intento e indicare sulla

    – Scadenziario

    Dichiarazione d'intento

    Adempimento: Termine ultimo per la comunicazione, all'Agenzia delle Entrate, dei dati contenuti nelle dichiarazioni d'intento emesse.Il fornitore deve controllare telematicamente l'avvenuta comunicazione alle Entrate da parte dell'esportatore abituale della lettera d'intento e indicare sulla

    – Scadenziario

    Il «sistema» della frode Iva. In Toscana evasione da 30 milioni

    Gli oltre 128mila interveniti ispettivi sul fronte dell'evasione fiscale sono destinati ad aumentare. Controlli più mirati in materia di accise, che hanno già registrato - in un anno e mezzo - 5mila 247 interventi

    – di Ivan Cimmarusti

    Quei due miliardi di Iva bruciati ogni anno dai carburanti illegali

    Di certo, nella vita, ci sono solo la morte e le tasse. Almeno così recita il detto, in realtà, a guardare i risultati dell'inchiesta Grand Theft Europe, progetto coordinato dalla testata tedesca Correctiv a cui Il Sole 24 Ore ha partecipato assieme ad altri 35 giornali da tutta Europa, compresa la

    – di Angelo Mincuzzi e Giulio Rubino

    Non servono proroghe: meglio snellire gli obblighi Iva

    L'appuntamento del 1� gennaio 2019 per l'implementazione da parte di tutti i contribuenti (partite Iva) della fatturazione elettronica B2B e B2C si avvicina rapidamente ed è necessario che tutti i soggetti interessati si attivino e collaborino per essere pronti all'evento. In effetti, la partenza

    – di Benedetto Santacroce

    Dichiarazione d'intento

    Adempimento: Termine ultimo per la comunicazione, all'Agenzia delle Entrate, dei dati contenuti nelle dichiarazioni d'intento emesse. La dichiarazione, unitamente alla ricevuta di presentazione rilasciata dall'Agenzia delle Entrate, va consegnata al fornitore/prestatore, oppure in dogana. Il

    – Scadenziario

    Frodi Iva, la carta della buona fede

    La buona fede diventa centrale per evitare il coinvolgimento negli illeciti Iva: è quanto emerge dal consolidato orientamento dei giudici europei e nazionali. Il concetto di buona fede ha assunto negli ultimi tempi particolare rilevanza non solo per la registrazione di fatture che poi si scoprono

    – di Laura Ambrosi e Antonio Iorio

    Sforamento del plafond Iva: correzioni da concordare

    Quando a sbagliare è l'esportatore abituale che effettua acquisti di beni/servizi senza applicazione dell'Iva per un importo superiore al plafond disponibile, la violazione è regolarizzabile secondo una delle (tre) modalità illustrate nella risoluzione 16/E del 2017.

    – di Matteo Balzanelli e Massimo Sirri

1-10 di 50 risultati