Parole chiave

Ennahda

Ennahda (Partito della Rinascita), fondato nel 1981, è un movimento partitico tunisino di impronta fondamentalista, messo al bando nel 1989 e legalizzato dopo la cacciata del presidente Ben Ali.Negli anni il partito ha attuato una svolta moderata, pur restando nell'orbita degli ideali fondamentalistici: riconosce la legittimità di un sistema pluripartitico ed è aperto a una visione liberistica dell'economia. Gli avversari non dimenticano però gli esordi del suo leader, Rashid Gannouchi, favorevole alla violenza per disfarsi dei regimi arabi corrotti e sostenuti dall'Occidente.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Filosofia | Sistema pluripartitico | Ennahda | Rashid Gannouchi | Ben Ali |

Ultime notizie su Ennahda

    Le nuove primavere pacifiche e incerte del mondo arabo

    Dalle coste del Nord Africa, passando per il Libano, arrivando fino all'Iraq, milioni di arabi sono scesi in piazza da mesi. La protesta è, nella maggior parte dei casi, pacifica. L'esito incerto. I nuovi rivoluzionari sanno che devono aver pazienza. Perché questa volta lotteranno da soli. Memori di quanto avvenuto nel 2011, i Paesi occidentali appaiono reticenti ad appoggiare la loro causa

    – di Roberto Bongiorni

    Kamikaze colpisce al cuore il «modello Tunisia»

    Situato nel mezzo della centralissima avenue Habib Bourguiba, il teatro municipale di Tunisi è un luogo simbolico. Le scalinate di questo sontuoso edificio decorato di stucchi bianchi, inaugurato nel 1902, sono state uno dei ritrovi preferiti dai dimostranti tunisini nelle settimane della

    – di Roberto Bongiorni

    Tunisia, il governo promette aiuti e riforme per placare la rivolta

    Basteranno a placare il malcontento popolare? Con un nuovo pacchetto di misure a favore delle classi più deboli, annunciato sabato, il governo tunisino spera di porre fine alle grandi manifestazioni di protesta (o comunque di ridimensionarle) contro il caro vita divampate in tutta la Tunisia la

    – di Roberto Bongiorni

    Tornano le proteste in Tunisia

    Cassonetti e auto della polizia dati alle fiamme. Caserme attaccate, negozi saccheggiati. Gas lacrimogeni e sassaiole. In Tunisia il tempo sembra essere tornato indietro di sette anni. Era il 17 dicembre 2010, quando a Sidi Bouzid il 26enne Mohamed Bouazizi, un venditore ambulante esasperato per le

    Un premio alla Tunisia della speranza

    Se la Tunisia è oggi il solo Paese travolto dalla primavera araba ad aver realizzato una transizione democratica credibile e trasparente - tanto da meritarsi

    – Roberto Bongiorni

    Nobel Pace: un gruppo speciale fatto di industriali, sindacati e avvocati

    Un premio assegnato «per il suo decisivo contributo alla costruzione di una democrazia pluralista in Tunisia alla luce della "rivoluzione dei Gelsomini" nel 2011». La motivazione con cui da Oslo il Comitato del Nobel ha assegnato il premio per la pace al Quartetto per il dialogo nazionale in

    – Roberto Bongiorni

    Tunisia, storie di imprese italiane che resistono

    TUNISI - Lasciare il Paese? Neanche per idea. Giuseppe Colaiacovo, vicepresidente della società umbra Colacem, risponde con estrema calma. Quasi fosse un'ovvietà. «La Tunisia ha dimostrato un alto senso di responsabilità. Pensate che durante i giorni più turbolenti della primavera araba nel 2011 il

    – Roberto Bongiorni

1-10 di 68 risultati