Parole chiave

Emissions trading scheme

È un sistema per lo scambio di quote di emissione di gas serra tra imprese. Il fine è quello di promuovere la riduzione delle emissioni attraverso l'introduzione di meccanismi flessibili, secondo criteri di efficacia dei costi ed efficienza economica. In Europa l'Ets è entrato in vigore nel 2005 e ne fanno parte imprese dei settori più energivori. Alle aziende vengono assegnate quote di emissione. Chi ne ha in eccesso grazie a interventi sul risparmio energetico può vendere le quote alle società in deficit.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Quote di emissione |

Ultime notizie su Emissions trading scheme

    Gse: 14,8 miliardi di risorse per spingere la sostenibilità

    Per il sesto anno consecutivo il Paese supera gli obiettivi europei previsti al 2020 (18%, secondo le stime, di consumi coperti da fonti verdi): 900mila gli impianti censiti nel 2019 relativi a rinnovabili elettriche

    – di Celestina Dominelli

    L'arrivederci a Davos, Greta e l'uomo nero che diventa tutto verde

     "La civiltà occidentale ha abbandonato l'approccio scientifico rigoroso per un'isteria adolescenziale". Le parole non sono mie ma del Telegraph. Disclaimer. A me il Donald e la Greta stan simpatici. Il primo ha una strategia di politica estera e nazionale molto peculiare ma efficace: è tuttavia un incompreso. La gente non capisce che è stato eletto dagli americani e fa quello che ritiene utile per gli Stati Uniti. Greta è un'adorabile adolescente. Ha la sindrome di Asperger, della quale va fier...

    – Enrico Verga

    Costi dell'energia e occupazione, i due fondi "green" senza coperture

    Secondo il Servizio Bilancio del Senato è impossibile utilizzare i proventi derivanti dalle aste sul CO2, organizzate nell'ambito del mercato europeo ETS (Emissions Trading Scheme) che assegna le quote di emissione ai comparti industriali degli Stati membri

    – di Carmine Fotina

    La lunga estate calda dell'energia: rincari record per CO2, gas ed elettricità

    Nel mese di agosto nessuno se lo sarebbe aspettato, ma i mercati dell'energia sembrano impazziti. Gas ed elettricità in Europa non sono mai stati così cari nel periodo estivo. E ancora più impressionante è il rally della CO2, o meglio dei diritti per l'emissione di anidride carbonica, balzati ieri

    – di Sissi Bellomo

    L'Europa vuole ridurre del 40% le emissioni entro il 2030

    Il mercato europeo dei fumi non funziona, ancora una volta. E quindi ancora una volta viene ritoccato per far salire a forza il valore dell'anidride carbonica, il gas che in sigla si chiama CO2 e che è accusato di cambiare il clima del mondo. I negoziatori dell'Unione europea hanno condiviso

    – di Jacopo Giliberto

    E.On, Teyssen: «Più dividendi dopo il riassetto»

    «Il petrolio del Ventunesimo secolo? E' l'elettricità», sorride Johannes Teyssen, amministratore delegato del colosso energetico tedesco E.On.Teyssen ha le idee chiare sulle trasformazioni che stanno investendo il settore dell'energia. E in un'intervista in esclusiva con il Sole 24 Ore descrive con

    – di Sissi Bellomo e Jacopo Giliberto

    Clima, le posizioni del summit e gli scenari futuri

    L'obiettivo annunciato nel summit di Parigi sul clima è voler difendere il Pianeta dal cambiamento del clima. Bisogna contenere il riscaldamento entro i 2 gradi, che gli scienziati affermano essere il limite ultimo di sicurezza; oppure entro i 3 gradi; o ancora entro i 4 gradi (che per la scienza sono già catastrofici). Sotto accusa è l'anidride carbonica che immettiamo nell'aria da ciminiere, comignoli e tubi di scappamento, più altri gas che riscaldano l'atmosfera come quel metano che sfugge l...

    – Luca Tremolada

    rinnovabili. dati e spunti. i costi e le politiche energetiche. (secondo aie-iea).

    alcune considerazioni emerse di recente durante un convegno promosso dal gse (gestore dei servizi energetici). è vero che alcune fonti rinnovabili non sono programmabili, perché non si può comandare al vento di soffiare più o meno forte né alle nuvole di spostarsi e di lasciar battere il sole sui pannelli fotovoltaici. se non possono essere modulate, queste fonti rinnovabili sono però molto molto prevedibili. l'errore di previsione del gse nel 2014 è stato in media di appena l'1,4%. cioè le pre...

    – Jacopo Giliberto

1-10 di 28 risultati