Parole chiave

Ebitemp

È l'ente bilaterale nazionale per il lavoro temporaneo nato nel 1998 da un accordo tra le organizzazioni sindacali Felsa Cisl, Nidil Cigil, Uil Cpo e l'associazione delle agenzie per il lavoro in somministrazione Assolavoro, che ha lo scopo di tutelare i lavoratori interinali e migliorare i rapporti con le agenzie.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Attività sindacale | Lavoro temporaneo | Felsa Cisl | Uil Cpo | Nidil Cigil |

Ultime notizie su Ebitemp

    «Legame più stretto scuola-impresa»

    «Il rapporto tra modo della formazione e quello dell'impresa è fondamentale. Per i ragazzi l'alternanza scuola-lavoro serve per capire qual è la mentalità aziendale e le proprie aspirazioni. Per un imprenditore è una opportunità per scoprire talenti che poi serviranno per lo sviluppo futuro».

    – di Andrea Marini

    «Agenzie decisive per l'inclusione dei giovani sul mercato»

    «L'economia dovrebbe crescere per il settimo anno consecutivo nel 2019, con previsioni di espansione in tutti gli Stati Ue. Tuttavia, questo contesto favorevole non avvantaggia tutti i cittadini allo stesso modo: la diversificazione dei rapporti di lavoro è in crescita, i percorsi di carriera non

    Salvate 53mila posizioni a rischio di conferma

    Con l'accordo sul nuovo contratto delle Agenzie per il lavoro, raggiunto lo scorso 21 dicembre da Assolavoro con i sindacati, si è evitato l'impatto negativo delle nuove regole introdotte dal decreto dignità sull'occupazione, che a gennaio avrebbero messo a rischio 53mila lavoratori in

    In cinque anni più 77% le prestazioni di welfare

    Più 77% le prestazioni erogate negli ultimi 5 anni, con una offerta di welfare che si è andata arricchendo: 3,8 milioni per la tutela sanitaria, la voce più rilevante, 2,2 milioni di piccoli prestiti, 95mila euro per il sostegno alla maternità. «Ebitemp e il sistema di welfare di settore per i

    – di Barbara Ganz

    Per i lavoratori più coperture di welfare

    Una tipologia contrattuale che alla Pa riserva vantaggi nel breve e nel lungo periodo, perché da un lato le consente di usufruire subito di personale qualificato e formato senza oneri di amministrazione dello stesso e dall'altro, in quanto forma di lavoro flessibile, non genera un'aspettativa di

    – di Mauro Pizzin

    Occupazione e ambiente: dall'edilizia green 200mila posti

    L'efficientamento di una palazzina di 300-400 metri quadri abitabili porta alla creazione di un'unità di lavoro annuale. Una ricerca Assolavoro, finanziata da Ebitemp (Ente bilaterale per il lavoro temporaneo) e curata dall'ingegner Paolo degli Espinosa (coordinatore del gruppo riallocazione degli Stati Generali della Green economy e della fondazione Sviluppo sostenibile), ha evidenziato come lo spostamento progressivo degli incentivi dal "brown" al "green", a cominciare dal settore costruzion...

    – Il Sole 24 Ore del Lunedì

    Dall'edilizia green 200mila nuovi posti

    Nei giorni in cui l'allarme smog è tornato nelle vite di chi abita e lavora nelle grandi città del nord, la domanda che incalza tutti gli attori, dai partiti ai movimenti alle istituzioni, è se si possa trovare il modo di rendere il lavoro più compatibile con la parola green e ci possa essere uno

    – di Cristina Casadei

    Mansioni e competenze restano disallineate

    Quasi sempre sfiduciati, molto spesso costretti a rinunciare a sogni e passioni, ma anche, a volte, disinformati sui principali strumenti delle politiche attive del lavoro e, quasi nel 50% dei casi, convinti, quando hanno una occupazione, che l'attività che svolgono sia poco o per nulla attinente

    – di Natascia Ronchetti

    Forma.Temp, modello di competenze 4.0

    Da un lato la formazione, dall'altro il welfare. Due ambiti fondamentali per la vita del lavoratore, sui quali le agenzie per il lavoro hanno investito enormemente in questi anni. L'ingresso tardivo delle agenzie in Italia, infatti, si è accompagnato con numerose misure di tutela e di garanzia

    – di Francesco Prisco

    Un lavoro stabile per due milioni

    A quasi 20 anni dall'introduzione in Italia del lavoro in somministrazione, 7,5 milioni di persone attraverso questo canale hanno avuto accesso a un lavoro dipendente, con pari retribuzione, tutele e diritti rispetto a un tradizionale contratto di lavoro. Con un'accelerazione importante negli

    – di Francesco Prisco

1-10 di 27 risultati