Parole chiave

Disavanzo strutturale

Il saldo strutturale, ovvero il saldo di bilancio depurato dagli effetti del ciclo e delle una tantum, rappresenta dal 2005 uno degli indicatori chiave con cui si esercita la sorveglianza sulle politiche dei Paesi dell’Ue. Per l’Italia il saldo strutturale a livello zero rappresenta l’obiettivo di medio termine da rispettare per garantire un bilancio in equilibrio. Per ottenere questo saldo occorre moltiplicare un parametro di sensitività al ciclo economico di questo stesso saldo per la differenza tra Pil effettivo e Pil potenziale (l’output gap).

Ultimo aggiornamento 19 maggio 2016

Ultime notizie su Disavanzo strutturale

    Emergenza Coronavirus, i precedenti della flessibilità Ue

    Per la prima volta la clausola migranti/sicurezza è stata applicata dalla Commissione europea nel 2016 (governo Renzi) per tener conto della maggiore spesa dovuta al flusso straordinario di rifugiati in alcuni paesi membri

    – di Dino Pesole

    Mes, 5 miti da sfatare sul Fondo salva-Stati

    Il dibattito sul Mes sta facendo emergere una lunga serie di mistificazioni ed equivoci sull'istituzione di Bruxelles. Ecco alcuni dei luoghi comuni più diffusi su come funzionerebbe lo European stability mechanism

    – di Costantino De Blasi*

    Ecco le 5 bufale più in voga sul famigerato fondo salva-stati (MES)

    L'autore del post è Costantino De Blasi, risk manager e financial advisor / Liberi, Oltre le illusioni - Il dibattito sorto attorno alla riforma dell'ESM (MES) presenta elementi di confusione e mistificazione della realtà. A prescindere dalle posizioni ideologiche - pro o contro l'integrazione europea - occorrerebbe sempre che si facesse informazione corretta. In questo caso invece, forse ancor più che sull'adozione della moneta unica, demagogia, pressappochismo e una non indifferente dose di c...

    – Econopoly

    Draghi: «Il rallentamento economico è più lungo del previsto»

    Il governatore della Bce ha espresso nuova preoccupazione per la situazione congiunturale dell'Unione europea. Per alleggerire il compito dell'istituto monetario nel rilanciare l'economia, l'economista ha chiesto ai paesi di mettere mano ai bilanci

    – di Beda Romano

    Deficit, l'Italia evita la procedura Ue d'infrazione. Confronto rinviato in autunno

    «Avevamo posto tre condizioni - ha detto il commissario agli affari economici Moscovici - dovevamo compensare lo scarto per il 2018, quello del 2019 dello 0,3% e ottenere garanzie sul bilancio 2020. Il Governo ha approvato un pacchetto che risponde alle nostre tre condizioni e quindi la procedura per debito non è più giustificata»

    – di Beda Romano

    Niente procedura d'infrazione: pronto il sì della Ue ai conti dell'Italia

    BRUXELLES - Dopo un lungo e faticoso tira-e-molla, la Commissione europea dovrebbe ritirare una raccomandazione di procedura per debito eccessivo contro l'Italia, ritenendo i conti pubblici italiani del 2019 in linea con le attese del Patto di Stabilità. La decisione è prevista per oggi, 3 luglio,

    – dal nostro corrispondente Beda Romano

    Margini di flessibilità perduti senza puntare sugli investimenti

    Si è molto dibattuto sul fatto che il governo abbia inserito delle clausole di salvaguardia a garanzia dei conti nel 2020 e 2021. Analoga attenzione non era stata dedicata alle clausole introdotte dai governi precedenti. Questo è infatti l'ottavo anno consecutivo che i nostri governanti fanno

    – di Carmelo Parello e Vincenzo Visco

1-10 di 132 risultati