Parole chiave

Diritti speciali di prelievo

I Diritti speciali di prelievo (Dsp, in inglese Special drawing rights) sono un particolare tipo di valuta. Si tratta dell'unità di conto del Fondo monetario internazionale il cui valore è ricavato da un paniere di valute nazionali. Scopo dei Dsp era rimpiazzare l'oro nelle transazioni internazionali. Fino a qualche anno fa, le valute che costituivano il paniere erano: dollaro Usa, marco tedesco, franco francese, sterlina britannica e yen giapponese. Dal 1999 l'euro ha sostituito il marco e il franco (il valore approssimativo di 1 euro è pari a 0,76 Dsp)

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Diritto speciale di prelievo | Dsp | Fmi |

Ultime notizie su Diritti speciali di prelievo

    Zhou Xiaochuan, il banchiere anomalo amato dai giovani

    Quel che è certo è che si ritirerà, ma la competizione è durissima e incerta, a dispetto delle deadlines. Cercasi affannosamente sostituto di Zhou Xiaochuan, uno dei banchieri più influenti al mondo e di tutti i tempi, già fuori dalla Conferenza consultiva e, quindi politicamente pensionato, in

    – di Rita Fatiguso

    Cina, nuova era alla Banca centrale. Le sfide per il prossimo governatore

    Tre lustri di prudente (e astuta) politica monetaria con il marchio del governatore Zhou Xiaochuan peseranno non poco sulle spalle del suo successore alla guida della Banca centrale cinese. Il nome sarà rivelato domani. Zhou ha dominato la scena cinese facendo da collante tra la generazione di

    – di Rita Fatiguso

    E se il renminbi sfidasse il dollaro?

    Barry Eichengreen, Arnaud Mehl e Livia Chitu, How Global Currencies Work: Past, Present and Future, Princeton University Press, 2017

    – di Christopher Smart

    La Bundesbank acquisterà yuan, che sale ai massimi da due anni

    La Bundesbank acquisterà yuan. La banca centrale tedesca ha deciso di inserire la valuta cinese tra le sue riserve valutarie. La novità è stata rivelata a Hong Kong da Andreas Dombret, componente del consiglio direttivo dell'autorità monetaria di Francoforte, e segue un'analoga decisione presa

    La Bce investe i suoi primi fondi nel renminbi

    La Banca centrale europea ha compiuto il primo investimento in valuta cinese per le sue riserve ufficiali. Anche se l'importo è per ora poco più che simbolico, pari a 500 milioni di euro acquistati nel primo semestre di quest'anno, l'investimento riflette, come dice la Bce stessa in una nota, «il

    – dal nostro corrispondente Alessandro Merli

    Le ambizioni frenate del renminbi

    Dov'è il tesoro da 125 miliardi di dollari teoricamente pronto per essere investito nel renminbi, la moneta cinese, nei prossimi cinque anni? E che ne è stato del processo necessario a sostenere l'internazionalizzazione della moneta cinese?

    – di Rita Fatiguso

    Le acque inesplorate del Target 2 (in caso di uscita dall'euro)

    Pubblichiamo un post (piuttosto lungo ma è sabato e pensiamo possa valerne la pena) di un operatore finanziario che preferisce affidare al blog, in forma anonima, le sue riflessioni - Numerosi articoli di stampa e blog (Econopoly compreso) hanno già dato ampiamente conto del contenuto - e dei riflessi - della lettera del presidente della BCE, Mario Draghi, in risposta all'interrogazione di due europarlamentari italiani, Marco Valli e Marco Zanni, con riferimento ai saldi Target 2, che si conclu...

    – Econopoly

    Le riserve cinesi sotto la soglia critica dei 3mila miliardi

    Per il Fondo monetario internazionale è l'elemento chiave necessario a stabilire la capacità della Cina di reggere all'urto della globalizzazione nelle acque tempestose dei mercati valutari.Parliamo del livello delle riserve in valuta che - lo ha rivelato Safe, l'agenzia che, appunto, controlla i

    – di Rita Fatiguso

1-10 di 127 risultati