Parole chiave

Diffamazione

Diffamazione è il termine giuridico che designa una forma di espressione che porti lesione all'onore di una persona o di un'istituzione. Se l'offesa è tramite un organo di stampa la pena è la reclusione da sei mesi a tre anni o una sanzione pecuniaria. In Parlamento è in discussione la riforma per escludere il carcere per i giornalisti

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Giustizia | Diffamazione |

Ultime notizie su Diffamazione

    Cassazione: quando è applicabile il carcere all'attività giornalistica

    ]*di Fulvio Sarzana di S.Ippolito, Avvocato. Quando può applicarsi il carcere all'attività giornalistica? Il tema è tra i più spinosi, anche per i richiami all'Italia della CEDU. La Cassazione opera una sorta di decalogo in una recentissima sentenza. I casi riguardano in particolare i  "discorsi d'odio e quelli che istighino alla violenza, quando veicolanti o veicolati da messaggi diffamatori. Le altre ipotesi attengono alle «campagne di disinformazione condotte attraverso la stampa, interne...

    – Fulvio Sarzana

    Diffamazione, carcere abolito per i giornalisti

    Un comunicato della Corte costituzionale ha annunciato quanto ormai ampiamente prevedibile dopo che un anno era ormai trascorso invano, nell'attesa di un intervento del Parlamento

    – di Giovanni Negri

    Diffamazione on line: attenti a non far passare tre mesi

    di Studio legale Sarzana Una nuova sentenza delle Sezioni penali della Cassazione interviene in materia di tutela della reputazione sul web. Chi si ritiene diffamato in rete deve agire prontamente - e comunque entro i tre mesi - perchè altrimenti perde il diritto di proporre la querela. E questo è quanto più vero in caso di bacheche di Facebook aperte agli amici, anzichè chiuse. E' quanto affermato dalla Corte di Cassazione in una sentenza del 9 giugno 2021. La Suprema Corte ha osservato ch...

    – Fulvio Sarzana

    Orientamenti sessuali e comunicazione via Facebook con terzi: è diffamazione

    L'attribuzione di orientamenti sessuali su Facebook può costituire diffamazione e a nulla rileva che determinate espressioni effettuate in pubblico  abbiano perso il carattere dispregiativo per una presunta "evoluzione" della coscienza sociale. E' quanto statuito dalla quinta sezione penale della Corte di Cassazione in una sentenza del 17 maggio 2021. La vicenda portata all'attenzione della Suprema Corte traeva origine da una sentenza della Corte d'appello di Milano che,   confermando la dec...

    – Fulvio Sarzana

1-10 di 987 risultati