Parole chiave

Def

Il Documento di economia e finanza (Def) è regolato dalla legge 7 aprile 2011 n. 39 e deve essere presentato alle Camere entro il 10 aprile di ogni anno. È il principale strumento della programmazione economico-finanziaria e indica la strategia economica e di finanza pubblica nel medio termine. Viene proposto dal Governo e approvato dal Parlamento.

Il Def si compone di tre sezioni:

- Programma di Stabilità, con gli obiettivi da conseguire per accelerare la riduzione del debito pubblico

- Analisi e tendenze della finanza pubblica, con l'analisi del conto economico e del conto di cassa nell’anno precedente, le previsioni tendenziali del saldo di cassa del settore statale e le indicazioni sulle coperture

- Programma Nazionale di Riforma (Pnr), con l’indicazione dello stato di avanzamento delle riforme avviate, degli squilibri macroeconomici nazionali e dei fattori di natura macroeconomica che incidono sulla competitività, le priorità del Paese e le principali riforme da attuare (Fonte: Mef)

Ultimo aggiornamento 14 settembre 2017

Ultime notizie su Def

    Con il rating di Fitch al via quattro mesi di test sui conti

    E proprio la nuova stima della spesa per interessi sarà una delle variabili maggiormente sotto osservazione all'interno del quadro macroeconomico che il Governo definirà con il Def di metà aprile.

    – di Dino Pesole

    Non solo Torino-Lione: storia della Brescia-Padova, l'altra Tav congelata

    E' il 1986: nel Piano generale dei trasporti si individua per la prima volta la rete ad Alta velocità attraverso il quadruplicamento delle direttrici ferroviarie Torino-Milano-Verona-Venezia e Milano-Bologna-Firenze-Napoli-Battipaglia. Il sito del Silos (Sistema informativo legge opere strategiche)

    – di Barbara Ganz

    Irpef sotto assedio: la flat tax per tutti fa i conti con costi e taglio dei bonus

    Una grande scommessa. Anzi, tornare a parlare ora di riforma fiscale, proprio nel momento in cui ricominciano a soffiare i venti di recessione, può quasi rasentare l'azzardo. Ancor di più se si pensa che a fine anno il Governo dovrà evitare aumenti Iva per oltre 23 miliardi previsti dalle clausole

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    Dopo le stime Ue sul Pil: tutte le tappe verso il giudizio di Bruxelles sulla manovra

    Giovedì 7 febbraio sono attese le previsioni intermedie della commissione Ue, che contengono solo il dato sul Pil e dell'inflazione. Per l'Italia è in arrivo un drastico taglio del Pil 2019 (rispetto alla stima dell'1% formulata dal governo), anche se l'esame finale dei conti pubblici è stato

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Il Pil in frenata aumenta il rischio della «super-Iva» nel 2020

    Gli aumenti Iva infilati nel bilancio triennale per essere tolti un attimo prima che scattino sono un «fattore di incertezza» crescente sui nostri conti pubblici dal 2012. Ma la sfida da affrontare quest'anno, a partire dal Def di inizio aprile, è decisamente più complicata.

    – di Gianni Trovati

    Sì alla Tav ma chiudiamola di domenica!

    L'intervento del governatore Ignazio Visco al Forex di sabato scorso merita di essere commentato perché segue di pochi giorni la revisione al ribasso (da 1 a 0,6%) da parte della Banca d'Italia della stima di crescita del Pil nel 2019. Questa revisione ha indotto il vice premier Luigi Di Maio ad accusare l'istituto di essere passato all'opposizione. Cosa senza senso, peraltro già sostenuta dal giurista Sabino Cassese nel 1978, quando, a pochi mesi dall'assassinio di Aldo Moro, accusò la Banca d'...

    – Beniamino Piccone

    Assiom Forex, gli operatori: recessione ormai certa in Europa

    La crisi con cui si è aperto il 2019 rappresenta una vera e propria recessione in Europa. E' quanto emerge dal sondaggio sul futuro dei mercati finanziari realizzato in diretta tra gli operatori associati del 25esimo congresso Assiom Forex a Roma. Il pubblico ha avuto la possibilità di votare nel

    Conti pubblici: minicorrezioni già in manovra, ma il test sarà a luglio

    Nei documenti di finanza pubblica l'ottimismo di una crescita all'1,5%, nonostante i recentissimi rilanci del premier Conte a Davos, è stato abbandonato a dicembre. Quando insieme alla manovra contrattata con Bruxelles è cambiato anche lo scenario tendenziale, quello a politiche invariate,

    – di Gianni Trovati

    Italia in recessione, ecco tutti i motivi della frenata del Pil

    Nell'affannosa ricerca delle colpe più che delle cause, le varie interpretazioni offerte dal governo all'avvio della recessione puntano sul rallentamento dell'economia europea o alle colpe dei «governi precedenti che hanno mentito». Entrambe le letture hanno un problema. L'economia europea, in base

    – di Gianni Trovati

1-10 di 3305 risultati