Parole chiave

Debito pubblico

Il debito pubblico si riferisce al debito dello Stato nei confronti del settore privato e dell'economia: famiglie, imprese, banche di credito e Banca Centrale.

I titoli di Stato, ossia tutti i titoli obbligazionari emessi dal Tesoro, sia sul mercato interno, sia su quello estero costituiscono la maggiore parte del debito pubblico. Al 31 dicembre 2016, l'ammontare dei titoli di Stato in circolazione rappresenta circa l'84% del debito pubblico.

Ultimo aggiornamento 15 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Debito pubblico | Piano di rientro |

Ultime notizie su Debito pubblico

    Rischio Italia, ecco quanto viene prezzato sul mercato dei derivati

    Lo spread tra Bund e BTp è notoriamente il termometro più utilizzato per misurare il rischio Paese. Ma se si fa il confronto tra il rendimento dei BTp e quello dei Treasury americani si scopre che il costo di rifinanziamento a 10 anni dell'Italia è superiore di appena 20 punti rispetto a quello

    – di Andrea Franceschi

    Sul deficit "monetizzato" Tria è ministro o professore?

    «Io credo sia venuto il momento di affrontare il tabù della monetizzazione». Però. E chi vuole rompere questo tabù? Il professor Giovanni Tria, economista e ministro dell'Economia del governo gialloverde M5Stelle-Lega nel quale Tria gioca una difficile partita tra disincanto realista, senso

    – di Guido Gentili

    Tria: il debito è un problema strutturale, ridurlo serve all'Italia

    «Il debito rappresenta un problema strutturale della nostra economia. L'obiettivo di ridurre il rapporto debito/Pil verrà realizzato gradualmente come ci viene richiesto». Da Parigi, a tre giorni dal voto europeo il ministro dell'Economia Giovanni Tria torna a rassicurare i mercati e le istituzioni

    – di Vittorio Nuti

    Derivati, i 5 Paesi a maggior rischio bancarotta

    I credit default swap (o Cds) sono contratti derivati che funzionano come polizze di assicurazione sul rischio insolvenza di un debitore. Più alto è il loro prezzo maggiore è la rischiosità percepita dal mercato. Sono insomma una sorta di termometro del rischio di controparte che prescinde da

    – di Andrea Franceschi

    Un nuovo sudafrica per trainare il continente

    C'è stato un tempo, 25 anni fa, dopo le prime elezioni libere e la fine dell'apartheid, che il Paese di Nelson Mandela sembrava dovesse diventare stella polare per l'intero Continente africano. E questo per diversi motivi: sia per essere stato capace di affrancarsi, senza conflittualità violenta,

    – di Valerio Castronovo

    Sviluppo sostenibile, i 17 obiettivi sotto la lente: ecco a che punto siamo

    Gli indicatori dello stato di avanzamento dell'attuazione dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile evidenziano, forti ritardi e grandi disuguaglianze tra Paesi, che mettono a rischio la coesione sociale. Lo attesta lo studio presentato dall'Asvis (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile), in

    – di Nicoletta Cottone

    Banche Centrali: verso una revisione dell'obiettivo di inflazione del 2%

    Nelle ultime settimane si è intensificato il dibattito intorno alla revisione degli obiettivi di inflazione delle banche centrali, sia negli Usa che nell'area Euro. Non si tratta di un caso, dato che per via della fase di rallentamento del ciclo economico le aspettative sull'inflazione futura

    – di Marcello Minenna

    Non sparate su Bankitalia

    Fino alla nascita dell'euro, la cerimonia dell'assemblea annuale della Banca d'Italia, il 31 maggio, era davvero solenne tanto che i più autorevoli giornali l'avevano ribattezzata «la messa cantata». All'indomani della relazione, le parole del governatore venivano centellinate da tutti i quotidiani

    – di Giancarlo Mazzuca

1-10 di 10885 risultati