Parole chiave

Debito pubblico

Il debito pubblico si riferisce al debito dello Stato nei confronti del settore privato e dell'economia: famiglie, imprese, banche di credito e Banca Centrale.

I titoli di Stato, ossia tutti i titoli obbligazionari emessi dal Tesoro, sia sul mercato interno, sia su quello estero costituiscono la maggiore parte del debito pubblico. Al 31 dicembre 2016, l'ammontare dei titoli di Stato in circolazione rappresenta circa l'84% del debito pubblico.

Ultimo aggiornamento 15 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Debito pubblico | Piano di rientro |

Ultime notizie su Debito pubblico

    Gros-pietro: «L'europa è in ritardo occorre investire nelle reti»

    Il presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro, ha trascorso parte di questa settimana a Bruxelles per colloqui con tre vice presidenti della Commissione Ue: Mogherini, Dombrovskis e Katainen. Non si è parlato solo di Italia e di finanza, ma anche della situazione mondiale dove le

    – di Beda Romano

    I BTp nella trappola della volatilità: ecco perché lo spread non scende

    La volatilità è come la corda di un'altalena. Più lunga è maggiori sono le oscillazioni a fronte di una spinta di pari forza. Se parliamo dei titoli di Stato italiani siamo in presenza di una corda molto lunga. O meglio più lunga di quanto è stata mediamente negli ultimi anni. Ciò significa che

    – di Andrea Franceschi

    In diciotto contro l'Italia, l'Eurozona si rafforza

    Se il governo italiano insisterà a difendere la sua proposta di bilancio, quali saranno le conseguenze per la collocazione italiana nell'Unione europea? Finora, le scelte di politica di bilancio del governo italiano sono state discusse per le loro conseguenze sull'economia e la politica del nostro

    – di Sergio Fabbrini

    Patrimoniale sì o no, capiamo meglio (numeri alla mano)

    In un recente articolo su Econopoly ci siamo occupati di capire quali potrebbero essere i vantaggi di una imposta patrimoniale in Italia: se fosse introdotta mantenendo costante il peso fiscale complessivo (per esempio, riducendo allo stesso tempo le imposte sul lavoro), potrebbe essere un'occasione per rimodulare il carico fiscale, aumentando però l'equità del sistema e liberando risorse a favore della crescita e del benessere dei cittadini. "Grande è la confusione sotto il cielo", però, quando...

    – Tortuga

    Una settimana di Econopoly (quella della festa per il Pil tedesco in calo)

    Nella settimana che si è conclusa un dato salta all'occhio: per la prima volta dal 2015, nel terzo trimestre, il Pil della Germania è sceso - dello 0,2% - rispetto al periodo precedente. A pesare soprattutto la frenata dell'industria dell'auto. Eurostat ha ricordato che nello stesso periodo l'Italia ha fatto segnare una crescita zero, mentre l'Eurozona è cresciuta dello 0,2%. Ed ecco che in tanti, sui social, hanno festeggiato. Gli sta bene ai tedeschi, vedi che anche loro sono in difficoltà? Ve...

    – Alberto Annicchiarico

    Il futuro delle banche non è nel piccolo mondo antico

    Chissà se prima o poi qualcuno in Italia proporrà anche l'eliminazione per decreto della televisione a colori: non era più affascinante vedere Lascia o Raddoppia in bianco e nero rispetto a molti talent show trasmessi oggi in tv? C'è in giro nei palazzi della politica una gran voglia di ritorno al

    – di Alessandro Graziani

    Con la fine del Qe effetto boomerang sui corporate bond

    Qualcuno fra gli analisti è arrivato in questi giorni perfino a parlare di «zombificazione», ma anche senza ricorrere a metafore colorite gli effetti provocati sul mercato europeo dei bond dall'ondata di liquidità creata dal piano di riacquisti della Banca centrale europea (Bce)sono innegabili. E

    – di Maximilian Cellino

    Italiani sempre più depressi ma le polizze assicurative non coprono la patologia

    La depressione è una nuova minaccia soprattutto in Italia dove l'utilizzo di antidepressivi è in forte aumento. L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima in oltre 300 milioni le persone che soffrono di depressione in tutto il globo, pari al 4,4% della popolazione mondiale, (il 12,49% degli

    – di Federica Pezzatti

    Hanno capito male. Forse anch'io

    "Da Bruxelles continuano a mandare letterine. Se proveranno a mettere sanzioni hanno capito male". Può essere, come argomenta il vicepremier Matteo Salvini , che la bocciatura della nostra manovra da parte di Bruxelles sia risultato dell'incomprensione. Non ci capiscono, fraintendono, forse anche tecnicamente non sono preparati, come ha spiegato qualche giorno fa il ministro dell'Economia Giovanni Tria. Può essere, anche se scorrendo rapidamente l'elenco di coloro che "non hanno capito", qualch...

    – Luca Orlando

1-10 di 10575 risultati