Parole chiave

Data-retention

La data-retention è la disciplina per la conservazione dei dati di traffico telefonico e telematico, i dati relativi all’ubicazione e necessari all’identificazione dell’abbonato, per fini di accertamento e repressione dei reati. La Corte Ue ha bocciato la direttiva 2006/24/Ce per violazione del principio di proporzionalità nel bilanciamento tra diritto alla protezione dei dati personali ed esigenze di pubblica sicurezza.

Ultimo aggiornamento 04 luglio 2017

Ultime notizie su Data-retention

    6 anni! E' il termine di conservazione dei dati telefonici e telematici di tutti i cittadini appena approvato alla Camera. In una direttiva sugli ascensori.

    Una calda estate per i cittadini italiani. Ancor più per i cittadini italiani che telefonano o vanno su internet. Infatti nel bel mezzo del recepimento di una direttiva sugli ascensori capita che due Parlamentari, e, nella fattispecie Walter Verini e  Giuseppe Berretta, inseriscano ( e facciano approvare), un emendamento alla legge europea 2017 che allunga fino a 72 mesi il termine di conservazione per i provider  dei dati telefonici e telematici. Il testo dell'emendamento approvato è il s...

    – Fulvio Sarzana

    Vecchi dati telefonici da distruggere

    Scade l'obbligo, per gli operatori telefonici e gli internet provider, di conservare i dati del traffico telefonico e telematico più vecchi, precedenti cioè i termini ordinari di conservazione. Ed è allarme sulle inchieste per i reati più gravi, mafia o terrorismo, che di questi termini più ampi si

    – di Andrea Maria Candidi

    Soro (Garante privacy): preoccupano gli emendamenti al dl antiterrorismo

    Gli emendamenti approvati in commissione al decreto antiterrorismo alterano l'equilibrio fra privacy e sicurezza. Lo ha sottolineato il presidente dell'Autorità Garante della privacy, Antonello Soro. «Suscitano seria preoccupazione alcuni emendamenti al decreto-legge antiterrorismo approvati in

    «Database da proteggere più che da allargare»

    Attenzione a sacrificare la privacy n nome della lotta al terrorismo. La tutela dei dati personali é anzi il presupposto di una società sicura. Disporre di database sempre più grandi, ma senza preoccuparsi della loro protezione, é offrire il fianco ai terroristi, ampliare le potenziali superfici

    Cittadini del web fatevi sentire

    Come assicurare uno sviluppo di internet compatibile con la democrazia? Quali i rischi che social media e piattaforme condivise vengano usati per la censura e

    – di Bernardo Parrella

    Cittadini del web fatevi sentire

    Nell'ultimo libro Rebecca MacKinnon invita gli utenti a tenere gli occhi aperti sulla privacy e la censura. Per fermare l'avanzata di Controllo 2.0 - «Più che necessaria la revisione della direttiva Ue sulla gestione dei dati»

    – Bernardo Parrella

    Perché Google ha modificato la gestione della privacy?

    Google una decina di giorni fa ha semplificato le sue policy per la riservatezza dei dati personali. Chi possiede Gmail, usa il motore di ricerca Google o in qualche modo ha un account a uno dei numerosi servizi di Mountain View in questi giorni si sarà "scontrato" con una serie di pagine web e avvisi sui cambiamenti che entreranno in vigore a partire dal 1 marzo 2012. Qui si possono leggere per esteso i documenti con le regole per la privacy  e i termini di servizi d'uso . L'operazione, secondo...

    – Luca Tremolada

1-10 di 12 risultati