Parole chiave

Danish compromise

Il principio contabile

Il «Danish compromise» è un principio contabile approvato dall’Unione europea nel 2012 (quando la Danimarca era presidente di turno) che allevia l’assorbimento di patrimonio per le banche che detengono assicurazioni, evitando doppi conteggi. È prevista la proroga di questa facoltà da fine 2018 a fine 2024.

Ultimo aggiornamento 01 dicembre 2018

Ultime notizie su Danish compromise

    Banche, più tempo per uscire dalle assicurazioni

    Prevista l'estensione fino al 2024 della possibilità per le istituzioni finanziarie non conglomerate di non dedurre dal capitale di vigilanza le partecipazioni in società assicurative, secondo il c.d. “Danish compromise”.

    Banche, l'Ue concede più tempo per uscire dalle assicurazioni

    Dopo un lunghissimo negoziato durato quasi due anni, i ministri delle Finanze dell'Unione europea dovrebbero trovare proprio martedì un atteso compromesso sul nuovo pacchetto di regolamentazione bancaria. Tra le misure approvate ieri a livello diplomatico dal Comitato dei rappresentanti permanenti

    – di Luca Davi e Beda Romano

    Mediobanca, il patto regge: UniCredit allineato agli altri soci

    Il patto Mediobanca durerà almeno un altro anno: tutti i maggiori azionisti - UniCredit, Bolloré, Mediolanum, Benetton, Fininvest - sono orientati a non sfruttare la finestra di disdetta anticipata che si apre a fine mese. Oggi la questione potrebbe finere sul tavolo del cda di Piazza Gae Aulenti,

    – di Antonella Olivieri

    Regole comuni, contesti diversi: come l'Unione bancaria pesa in Italia

    A due anni dalla nascita dell'Unione bancaria europea (seppur zoppa della garanzia continentale sui depositi), tra i sistemi creditizi dei vari Stati del Vecchio continente restano ancora tante disomogeneità. Le normative si stanno oggettivamente uniformando (di questo va dato atto all'Europa), ma

    – Morya Longo

    Intesa sotto la lente nell'attesa di novità sulla partita Generali

    Intesa Sanpaolo sotto la lente a Piazza Affari, in attesa di sviluppi sull'eventuale acquisizione di Generali, che ormai tiene banco da giorni. I titoli dell'istituto hanno più volte cambiato la direzione di marcia. Generali, invece, oscilla noervosamente sulla parità.Gli analisti di Credit Suisse

    – di Eleonora Micheli

    Intesa prepara l'offerta pubblica di scambio su Generali

    «Credo che le banche europee che operano su mercati europei debbano avere una dimensione che gli consenta di fare una crescita sia endogena che esogena. Per questo, siamo molto interessati». Ieri il presidente di Compagnia San Paolo, Francesco Profumo, ragionava in linea meramente teorica perché ha

    – di Marco Ferrando