Parole chiave

Crowd work

Il crowd work è una forma di lavoro digitale; il termine ha fatto capolino nel rapporto Eurofound 2015 intitolato New forms of employments. La traduzione più conosciuta è “lavoro nella folla”: migliaia di lavoratori connessi ad una piattaforma digitale evadono le richieste dei committenti. Secondo alcune stime (Huws 2016), nel 2020, in America almeno l’11 % dei lavoratori lo sperimenterà. Per la Commissione Ue nel 2015, in Europa i guadagni ottenuti sono stati pari a circa 28 miliardi di euro

Ultimo aggiornamento 24 gennaio 2018

Ultime notizie su Crowd work

    Un nuovo contratto sociale per la società del XXI secolo tra necessità di governance ed intelligenza collettiva

    Una realtà complessa ed interconnessa quella che fa da sfondo alla necessità di un nuovo contratto sociale che possa essere il nuovo collante di una società ad elevata precarietà, a livello politico, giuridico e sociale. Il leitmotiv che informa il White Paper del World Economic Forum dell'Aprile del 2019 segnala, propriamente, la necessità di cooperazione globale; plasmare, come un demiurgo, una nuova architettura globale nell'era della IV Rivoluzione industriale contemplando nuovi modelli di p...

    – ADAPT

    Superare il vecchio paradigma duale

    L'atto di partire per raggiungere altre rive è l'immagine che evoca anche il senso del lavoro ai giorni della quarta rivoluzione industriale. Esprime il sacrificio e le paure di un'intera generazione a rimettersi in gioco, inscrive il significato di lavoro - non riducibile all'occupazione e quindi

    – di Francesco Occhetta S.J.

    Professionisti, artigiani e free-lance: così il lavoro si trova all'asta

    C'è un piccolo esercito - ancora invisibile - di lavoratori che scambia prestazioni professionali sulle piattaforme digitali. E' la spallata finale della sharing economy alle agenzie di intermediazione? Presto per dirlo. Certo è che il settore del recruiting sta vivendo una vera e propria

    – di Cristiana Gamba

    Connessi e infelici? L'economia digitale e il lavoro che cambia: da dove ripartire

    Pubblichiamo un post di Antonio Aloisi e Valerio De Stefano. Aloisi è dottorando in Diritto del Lavoro alla Bocconi di Milano. De Stefano è Teaching Fellow alla Bocconi di Milano e Technical Officer all'International Labour Office* - CONNESSI E INFELICI: LE TUTELE E LA SOPRAVVIVENZA DEL DIGITAL LABOR di Antonio Aloisi e Valerio De Stefano Sgombriamo il campo da un equivoco, il numero di convegni sul tema della sharing economy fa un torto - per eccesso - alle dimensioni attuali del fenomeno. C...

    – Econopoly