Parole chiave

Corte di Karlsruhe

È il nome con il quale si identifica la Corte costituzionale federale tedesca. Il nome deriva dalla cittadina nel Sud del Paese (Land del Baden-Württemberg) dove la Corte ha sede, insieme alla Corte federale di Giustizia, massimo organo di appello in materia civile e penale. Karlsruhe subentrò a Lipsia, dopo la seconda guerra mondiale, nel ruolo di cittadella della giustizia quando le due province di Baden e Württemberg vennero unificate e a Stoccarda toccò il ruolo di capitale. La Corte è formata da 16 giudici, divisi in due sezioni. Il mandato è di 12 anni e non è rinnovabile. I giudici provengono dalla magistratura o dall'accademia e sono di nomina parlamentare

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Giustizia | Corte Costituzionale | Baden-Württemberg |

Ultime notizie su Corte di Karlsruhe

    Draghi e la Ue, il pericolo di fare troppo poco per l'economia

    "Il pericolo è fare troppo poco, non fare un pochino di più". In questa affermazione del premier Mario Draghi è racchiuso il dilemma dei governi europei: mentre gli Stati Uniti stanno quasi raddoppiando la dimensione delle sforzo fiscale a sostegno della crescita dell'economia, passando dal sostegno ai redditi degli americani a una nuova forte spinta agli investimenti, nell'Unione europea viene solo confermato che l'espansione di bilancio continuerà anche nel 2022 (non si sa con precisione in qu...

    – Antonio Pollio Salimbeni

    La Corte costituzionale tedesca ha ragione (ma non può dire il perché)

    Gli autori di questo post sono Emiliano Brancaccio,  professore di Politica economica presso l'Università del Sannio, e Luigi Cavallaro, magistrato e consigliere della Corte di Cassazione - Nell'infinita controversia con la Corte di giustizia dell'Unione Europea, la Corte costituzionale tedesca ha ragione nel sostenere che l'azione della Bce potrebbe aver violato il principio di "neutralità" della politica monetaria e i Trattati che ne disciplinano le attribuzioni. Ma questa ragione si fonda su...

    – Econopoly

    Fino a quando la Bce potrà salvare il debito italiano?

    L'ombrello della Banca centrale europea pare in grado di garantire un costo di finanziamento del debito a tassi contenuti. Il problema riguarda non tanto l'immediato, quanto il medio-lungo periodo

    – di Dino Pesole

    Le Borse rimbalzano grazie all'export cinese. Sale attesa per Eurogruppo

    A sorpresa crescono del 3,5% le esportazioni della Cina ad aprile, il petrolio prosegue la rimonta e i mercati non scontano le nuove richieste di sussidio di disoccupazione in Usa (3,2 milioni) e le pesanti previsioni della BoE per l'economia inglese

    – di Andrea Fontana e Flavia Carletti

    Lega-M5S, i rischi di un accordo con molti ostacoli

    Il Contratto di governo concluso tra i Cinque stelle e la Lega presenta alcuni elementi positivi. Tra questi si possono menzionare i seguenti:- aver evitato le posizioni antieuropee spesso evocate negli anni e nei mesi e ancora nei giorni scorsi con la pericolosissima idea di non pagare una quota

    – di Antonio Padoa-Schioppa

    Brevetti, l'Italia cresce ma piano

    Tra i competitor dell'Eurozona, l'Italia è il Paese con il tasso di incremento maggiore. Ma oltre al risultato - che è ancora un "parziale" - la partita si giocherà anche sul terreno della "qualità" dell'innovazione, che nel Made in Italy continua a concentrarsi su meccanica,

    – di Laura Cavestri

1-10 di 98 risultati