Parole chiave

Contratti di sviluppo

La finalità principale dei contratti di sviluppo può essere individuata nel favorire l'attrazione di investimenti, anche esteri, e la realizzazione di progetti di sviluppo d'impresa di una certa rilevanza per il rafforzamento della struttura produttiva del Paese, soprattutto nelle aree svantaggiate del territorio nazionale. La gestione complessiva dell'intervento è affidata all'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa Spa (Invitalia).

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Impresa Spa | Società per Azioni |

Ultime notizie su Contratti di sviluppo

    Bonus ricerca perde 300 milioni. Investimenti 4.0, platea ristretta

    La relazione tecnica della legge di bilancio quantifica la riduzione del piano Impresa 4.0. La platea degli investimenti agevolabili con l'iperammortamento fiscale scende di 2 miliardi (da 12 a 10) e, considerando solo il primo anno di effetto finanziario, la spesa per lo Stato cala a 368 milioni

    – di Carmine Fotina e Marco Mobili

    Di Maio, reddito di cittadinanza: «Il rifiuto di 3 proposte fa perdere il beneficio»

    «Confermeremo Industria 4.0 e il taglio del cuneo si farà, è parte della riforma fiscale. Ora che non siamo più antagonisti, abbiamo lavorato dalla stessa parte del tavolo anche per cercare insieme soluzioni concrete alla massa di scadenze, reiterazioni e adempimenti. Per le agevolazioni favoriremo

    – di Carmine Fotina e Claudio Tucci

    Innovazione e sviluppo, da Invitalia 40 milioni di agevolazioni a 4 aziende

    Invitalia, l'Agenzia per lo sviluppo del Paese, ha deliberato quattro nuovi Contratti di sviluppo per un totale di 40,5 milioni di euro di agevolazioni, di cui 20,5 a fondo perduto. ... Diventano così 126 le aziende italiane che hanno usufruito del supporto di Invitalia con Contratti di sviluppo, per un totale di 5 miliardi di investimenti e circa 67.500 posti di lavoro creati o salvaguardati.

    – di Al.Tr.

    Treni e robot a Napoli: la fabbrica modello nell'ex Ansaldo Breda

    La fabbrica di 160 anni è rinata. L'ex Ansaldo Breda di Napoli, inaugurata nel 1853 e ceduta nel 2015 da Finmeccanica al gruppo Hitachi, è diventata stabilimento di punta nel mondo tra quelli della multinazionale giapponese, ridando vita a un'antica tradizione nel comparto ferroviario.

    – di Vera Viola

    La Zona economica speciale della Calabria: prove di rilancio per Gioia Tauro

    Che sia la volta buona per il rilancio del sistema portuale di Gioia Tauro? Da un lato la giunta regionale ha approvato il piano di sviluppo strategico della Zes (Zona economica speciale); dall'altro il gruppo Msc manifesta a più riprese l'intenzione di investire sul porto calabrese dove già opera

    – di Donata Marrazzo

    In Calabria l'intervento più cospicuo dopo l'Autostrada del Sole

    Vale 1 miliardo e 335 milioni la firma che il Cipe ha apposto sulla delibera per la realizzazione del 3° Megalotto Sibari - Roseto Capo Spulico della statale 106, in Calabria. «Un intervento strategico per la crescita e lo sviluppo dei nostri territori», afferma con soddisfazione il presidente

    – di Donata Marrazzo

    Calenda: dal Cipe oltre 1 mld per le reindustrializzazioni

    «Oggi il Cipe ha deliberato 200 milioni per il fondo per il contrasto alle delocalizzazioni e 850 milioni per i contratti di sviluppo: 1 miliardo e 50 milioni bper gestire i processi di reindustrializzazione, transizioni e crisi industriali. La politica industriale di sviluppo rappresentata da

    – di Andrea Gagliardi

    Industria 4.0 o zero industria: l'aut aut da evitare per l'Europa

    L'alternativa strategica non può essere l'aut aut tra Industria 4.0 e zero industria. Nel mezzo c'è un sentiero neanche tanto stretto dove deve passare la transizione italiana ai nuovi modelli produttivi. Un cammino perenne fatto di innovazione e adattamento, ritmato dalla velocità di obsolescenza

    – di Alberto Orioli

1-10 di 125 risultati