Parole chiave

Contratti di coltivazione

Sono uno strumento di copertura dal rischio approvvigionamento per l'industria alimentare, che garantisce al tempo stesso la possibilità di programmare la produzione alle imprese agricole. Sono soggetti a uno specifico disciplinare di produzione e possono prevedere premi specifici in base alla qualità del prodotto. Il prezzo può essere prefissato o basarsi sulla combinazione di diversi meccanismi, come la quotazione media di una determinata Borsa merci e i costi di produzione sostenuti dall'azienda agricola

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Qualità dei prodotti e servizi | Industria alimentare |

Ultime notizie su Contratti di coltivazione

    Agroalimentare, raddoppiano le imprese guidate dai giovani

    Negli ultimi quattro anni nel Mezzogiorno le aziende di titolari con meno di 40 anni sono passate da 26.330 a 52.610 - Rapporto Ismea: «Colti i trend positivi dei consumi nazionali e internazionali»

    – di Alessio Romeo

    Pasta, la filera aumenta gli investimenti sul grano italiano

    Passano da 6 a 12mila i contratti di coltivazione tra pastai e mondo agricolo e salgono a 200mila ettari le superfici coinvolte dalle intese che stanno rilanciando la produzione di grano duro. Barilla: ricerca e innovazione fondamentali per mantenere il primato.

    – di Alessio Romeo

    Vodka, gin, vermouth made in Tuscany

    Chi l'ha detto che nel capitolo "bere" la Toscana emerge solo come terra di grandi vini e, al massimo, di vinsanto e acque minerali? In realtà c'è un'altra nicchia che silenziosamente, e senza alcuna regìa o aiuti, si sta facendo largo sul mercato, spinta dal rinnovato interesse per cocktail, drink

    – di Silvia Pieraccini

    Pomodori, una raccoglitrice meccanica per sradicare la vergogna del caporalato

    Ci risiamo. All'indomani dell'ennesimo episodio di cronaca luttuosa - i sedici braccianti extracomunitari morti in due giorni sulle strade del Foggiano - si è rimessa in movimento la macchina verbosa della "condanna", del "faremo", del "vigileremo", dello "stroncheremo", del "mai più", delle "marce

    – di Roberto Iotti

    Imperial Tobacco compra italiano: accordo per 2.500 tonnellate dal raccolto 2017

    Nonostante un quadro normativo tutt'altro che favorevole, Imperial Tobacco - multinazionale britannica delle sigarette proprietaria dei marchi storici John Player Special, Davidoff, Golden Virginia e Rizla - continua ad acquistare tabacco italiano: il gruppo assicura ai tabacchicoltori italiani

    – di Francesco Prisco

    Più grano italiano per Barilla

    E' più di vent'anni che Barilla firma contratti di coltivazione con gli agricoltori del Paese, ma è la prima volta che ci vincoliamo con accordi triennali (non più annuali) che ci impegnano ad aumentare del 40% i volumi acquistati di "grano duro sostenibile" italiano di alta qualità, da qui al 2019,

    – di Ilaria Vesentini

    Sadam riapre lo zuccherificio di Parma e punta sulla chimica verde

    Torna in campo anche Sadam nella produzione dello zucchero italiano, dopo un anno di stop. L'annuncio di ieri della società del gruppo Maccaferri che per la campagna bieticola-saccarifera 2017/2018 sottoscriverà offerte di coltivazione in un raggio massimo di 90 chilometri dallo zuccherificio di

    – di Ilaria Vesentini

1-10 di 15 risultati