Parole chiave

Contabilità semplificata

Possono accedere alla contabilità semplificata le imprese che esercitano attività commerciali con ricavi, conseguiti nell’anno precedente, non superiori a 400mila euro se prestano servizi o 700mila euro se vendono beni. Chi opta per il regime deve comunque redigere i registri Iva (acquisti e vendite) e il registro dei cespiti ammortizzabili che può essere però omesso nel caso in cui le annotazioni relative a tali beni avvenga nel registro Iva acquisti.

Ultimo aggiornamento 12 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Contabilità semplificata |

Ultime notizie su Contabilità semplificata

    Sì al riporto anche per i semplificati

    Allineamento del trattamento delle perdite fiscali tra imprese in contabilità ordinaria e semplificata dal periodo 2018. Salvataggio delle eccedenze delle perdite d'impresa del 2017 per le semplificate. Sono questi i due principali interventi varati per ditte individuali e società di persone.

    – di Gian Paolo Ranocchi

    Regime forfettario: l'emissione della fattura fissa l'imponibile

    Già da primi giorni in cui si è conosciuto il nuovo regime forfettario è stato notevole l'interesse di operatori e contribuenti, che da altri regimi (professionisti ordinari, imprenditori in contabilità semplificata o ordinaria) hanno immediatamente ipotizzato di entrare nel forfait soprattutto

    – di Paolo Meneghetti

    Contribuente in semplificata: possibile uscire in anticipo dall'opzione

    Chi si trova in regime di contabilità semplificata quale regime naturale nel 2018 e a fine dello stesso anno non ha conseguito (annotato ai fini Iva o incassato a seconda del regime scelto) ricavi maggiori di 65mila euro, transita di diritto nel 2019 nel forfettario senza dover eseguire alcuna

    Arriva la «flat tax»: ecco le 5 vie per entrarci

    Cinque strade per entrare nella flat tax nel 2019. Cinque percorsi per sfruttare il potenziamento del regime forfettario previsto dalla manovra di Bilancio in via di approvazione. Per alcuni contribuenti la via d'accesso non richiede alcun adempimento; per altri serve il comportamento concludente,

    – di Cristiano Dell'Oste

    Solo in Veneto la class action contro il cartello produttori dei Tir può valere 166 milioni per 22mila aziende (azione legale senza costi)

    Un cartello, cioè un accordo tra più produttori indipendenti di un bene (o servizio), che lede la libera concorrenza e può condizionare i prezzi dei camion. In questo caso, le imprese di autotrasporto potrebbero aver subito subito dei danni, pagando un veicolo più del dovuto. La sanzione complessiva già stabilita dalla Unione europea si aggira attorno ai 3,8 miliardi di euro e ricadrà sui costruttori coinvolti (Volvo/Renault, Man, Daimler/Mercedes, Iveco, DAF, e Scania) che assieme rappresentano...

    – Barbara Ganz

    Ridotte le deduzioni forfettarie per autotrasportatori

    Ieri, 14 giorni dopo la scadenza del termine di pagamento dell'Irpef a saldo per il 2017, fissato al 2 luglio 2018, sono stati definiti gli importi delle deduzioni forfettarie giornaliere per gli autotrasportatori di merci per conto terzi, in contabilità semplificata o in ordinaria per opzione (non

    – di Luca De Stefani

    E-fattura, la rivoluzione digitale entra nello studio dei commercialisti

    Prezzi, sconti, quantità, colori, preferenze e scorte: con l'arrivo della fattura elettronica imposta a tappe forzate, prima per carburanti e subappaltatori della Pa, e poi per tutto il B2B anche i professionisti fiscali possono entrare nell'era dei big data.

    – di Valeria Uva

    Libera professione o società? Guida alla scelta per i professionisti

    Si consolida il confine tributario tra professione esercitata in forma individuale o associata da un lato o in forma di società (non semplice) dall'altro. A seguito della risoluzione n. 35/E/2018 (e dei precedenti pareri esposti in sede di risposta ad interpello 954-55/2014 e 954-93/2014) è ancora

    – di Giogio Gavelli

1-10 di 299 risultati