Parole chiave

Consumi intermedi

I «consumi intermedi» rappresentano il valore dei beni e dei servizi consumati quali input in un processo di produzione. Tra essi rientrano tutti i beni e servizi consumati o ulteriormente trasformati nel processo produttivo posto in essere dall'amministrazione. Sono «intermedi» perché precedono lo svolgimento del servizio.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Consumatori | Consumi intermedi |

Ultime notizie su Consumi intermedi

    Il modello da seguire? Quello dell'export

    La sessione di bilancio è sempre focalizzata sulla politica economica di brevissimo periodo, come dimostra il patologico ricorso alle clausole di salvaguardia, da un decennio e da parte di ogni forza politica. Tuttavia questo non impedisce di volgere lo sguardo alle tendenze di lungo periodo della

    – di Luigi Marattin

    Manovra: da tagli, welfare e sconti fiscali dote di 12 miliardi

    In attesa della replica di Bruxelles annunciata per mercoledì alla lettera inviata venerdì sera, dopo un duro scontro nella maggioranza, alla Commissione Ue dal ministro dell'Economia, Giovanni Tria, i tecnici del Governo cominciano a individuare i possibili serbatoi dai quali attingere le risorse

    – di Marco Rogari

    La spesa pubblica cala in Europa ma in Italia sale al 45,5% del Pil

    I fuochi d'artificio su caso Siri, riforma delle Province, autonomie e immigrazione stanno oscurando da qualche giorno le questioni dei conti pubblici. Ma l'ombra è destinata a sparire presto. Già martedì le previsioni economiche di primavera della Commissione europea rianimeranno il confronto con

    – di Gianni Trovati

    Perché non si riesce ad avviare una vera spending review?

    Da decenni si prova ad affrontare nel nostro paese il nodo della riqualificazione della spesa pubblica. I tentativi finora messi in campo per rendere effettiva e strutturale una vera e incisiva spending review non hanno prodotto i risultati sperati. Il motivo? Tagliare la spesa costa in termini di

    Le manovre fatte a partire dai tagli di spesa

    Da decenni si prova ad affrontare nel nostro Paese il nodo della riqualificazione della spesa pubblica. I tentativi finora messi in campo per rendere effettiva e strutturale una vera e incisiva spending review non hanno prodotto i risultati sperati. Il motivo? Tagliare la spesa costa in termini di

    – di Mario Baldassarri e Dino Pesole

    Commercialisti: l'evasione fiscale riguarda tutti

    Tutti evadono, parola di commercialista. La convinzione che dipendenti e pensionati paghino per intero le tasse e che l'evasione sia da ricondursi per intero alle partite Iva è messa in discussione dalla Fondazione nazionale dei commercialisti, che ritiene si tratti di un «Fenomeno trasversale che

    – di Saverio Fossati

    Ci sono limiti al debito pubblico? (e come provare ad abbassarlo)

    Cosa potremmo pensare se ci venisse detto che non esiste un limite oltre il quale uno Stato può indebitarsi? Qualcuno potrebbe pensare che si tratti del pensiero del solito sciroccato che ha studiato economia su internet, oppure del delirio di qualche nuovo personaggio a caccia dei suoi dieci minuti di attenzione. Torneranno certo in mente i ricordi di default di Stati non così lontani nel tempo: Argentina, Russia, Venezuela, Grecia e Ucraina, solo per citarne alcuni dei più recenti. Allora, ch...

    – Francesco Lenzi

    Facciamo come il Portogallo?

    "C'è il rischio di una significativa deviazione dall'aggiustamento strutturale raccomandato dal Consiglio il 14 luglio 2015. La Commissione invita le autorità a prendere le necessarie misure all'interno del processo di formazione del bilancio nazionale per assicurare che il bilancio del 2016 rispetti il patto di stabilità finanziaria". In questo modo la Commissione Europea valutava nel febbraio del 2016 il nuovo piano di bilancio del Portogallo, presentato dall'appena insediato Governo del soci...

    – Francesco Lenzi

1-10 di 362 risultati