Parole chiave

Conservazione sostitutiva

È il processo che attribuisce valore legale nel tempo ai documenti analogici (ossia su carta) digitalizzati o ai documenti creati in modalità informatica. Il procedimento permette di conferire ai documenti informatici la stessa efficacia giuridica di quelli su carta con la firma digitale e la marca temporale, che garantiscono l'immodificabilità nel tempo del loro contenuto. Con la firma digitale si definisce inoltre la paternità e quindi la provenienza del documento e con la marca temporale si attribuisce data certa allo stesso. In tale contesto, si inserisce la normativa fiscale (Dm Economia del 23 gennaio 2004) che attribuisce ai documenti informatici anche valore ai fini tributari attraverso l'apposizione della firma digitale e della marca temporale a cura del responsabile del processo di conservazione

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Software | Documenti informatici |

Ultime notizie su Conservazione sostitutiva

    Indietro nel tempo grazie alle Entrate: si torni a stampare i registri su carta

    L'autore del post è Massimo De Nardi, commercialista a Treviso; si occupa prevalentemente di consulenza d'impresa (continuativa, analisi di bilancio e operazioni straordinarie) e di contenzioso tributario - Inutile nascondere l'amarezza: con la risposta n. 216 del 9 aprile 2021 l'Agenzia delle Entrate ha fatto scivolare il Paese 20 anni indietro, nonostante qualche velato quanto poco pragmatico appiglio giuridico fondato sulla distinzione tra "tenere" e "conservare" i documenti, fornendo un nuo...

    – Econopoly

    Più trasparenza nel «programma annuale» con il nuovo regolamento di contabilità

    Il Miur ha emanato la circolare applicativa 74 (05/01/19) sul nuovo Regolamento di contabilità che è già operativo dal primo gennaio 2019 . Rientra in una serie di azioni e di misure di accompagnamento per avviare, con successo, nelle scuole le nuove disposizioni. Il nuovo Regolamento

    – di Franco Portelli

    A 100 giorni dalla e-fattura, le partite Iva chiedono più semplificazioni

    Il 1� gennaio 2019 è ancora lontano. Nei primi cinque mesi di quest'anno, oltre il 97% delle fatture elettroniche transitate dal Sistema di interscambio (Sdi) è stato indirizzato alla pubblica amministrazione (per la quale l'obbligo è scattato tre anni fa). Se si escludono i disguidi di

    – di Cristiano Dell'Oste, Giovanni Parente, Valeria Uva

    Fatture elettroniche: 3 modi per conservarle correttamente

    Molte imprese sono già destinatarie di fatture elettroniche e si pone il problema della conservazione. Di fatture elettroniche sono ormai destinatari anche soggetti diversi dalle pubbliche amministrazioni sia per l'acquisto di carburanti all'ingrosso, che per le fatture emesse dai subappaltatori

    – di Gian Paolo Tosoni

    Fatture elettroniche: una nuova piattaforma al servizio dei commercialisti

    Un nuovo strumento online per la gestione delle fatture elettroniche e dei documenti di studio. La piattaforma Anc, al debutto in questi giorni, è il frutto di un accordo tra l'Associazione nazionale dei Commercialisti (Anc) e lo Studio Boost, startup bolognese fondata nel 2014 da quattro giovani

    – di R.I.T

    Liti con il Fisco, lo sprint del processo telematico: il 27% degli atti già online

    Il processo tributario telematico cerca lo sprint. Con l'estensione alle Commissioni tributarie di tutta Italia completata tra dicembre 2015 e la metà luglio dello scorso anno, l'utilizzo della piattaforma informatica per gestire direttamente online la presentazione di ricorsi e appelli, di

    – di Valentina Melis, Marco Mobili, Giovanni Parente

    Stop all'archiviazione cartacea, al via la conservazione online

    Continua la rivoluzione digitale dell'Agenzia. Dopo gli atti di aggiornamento catastale, l'agenzia delle Entrate conserverà digitalmente anche i documenti di pubblicità immobiliare, quelli cioè che interessano, ad esempio, le trascrizioni e le iscrizioni ipotecarie, le cancellazioni e le altre

    – di Enrico Bronzo

    Procedura «ad hoc» per la revisione

    Per consentire la richiesta di revisione della rendita catastale alle imprese interessate dall'esenzione Imu-Tasi per gli «imbullonati», l'agenzia delle

    – Antonio Iovine

1-10 di 77 risultati