Parole chiave

Condotte riparatorie

La legge di riforma penale, la n. 103 del 2017, ha introdotto una nuova causa di estinzione del reato, valorizzando la realizzazione di condotte riparatorie. Si applica ai soli reati perseguibili a querela e ha come obiettivo quello di superare le ipotesi in cui il querelante ritiene, senza motivi fondati, non idoneo il rimedio realizzato dall’accusato. Determinante in questa prospettiva la valutazione del giudice

Ultimo aggiornamento 05 agosto 2017

Ultime notizie su Condotte riparatorie

    Norme mirate sull'economia e tendenza a inasprire le pene

    E' ancora il diritto penale dell'economia uno dei settori più effervescenti, ora e in prospettiva, per avvocati chiamati a un aggiornamento continuo. Oltretutto in una chiave che non può essere solo nazionale, ma obbliga sempre più a tenere conto di norme e pronunce internazionali. Tanto più se si

    – di Giovanni Negri

    Truffe e minacce, estesa la querela

    Dalle minacce alla frode informatica, dalla truffa all'appropriazione indebita, cambia, dal 9 maggio, la condizione di procedibilità per una serie di reati.

    – di Giovanni Negri

    Lesioni stradali punibili d'ufficio

    Nessun passo indietro sulla procedibilità di ufficio delle lesioni personali stradali gravi e gravissime. Anche se la violazione del Codice della strada che ha causato l'incidente è banale o se la gravità della lesione consegue unicamente ai giorni di prognosi stabiliti dal medico curante. La legge

    – di Guido Camera e Maurizio Caprino

    Il risarcimento non cancella il reato di stalking

    Decisa stretta del Governo sullo stalking: il reato non si potrà più estinguere con «condotte riparatorie», ossia pagando una somma di denaro. A prevederlo, è il comma 1 dell'articolo 2 della legge di conversione del Dl 148/2017 che innesta un ultimo comma all'articolo 162-ter del Codice penale. E

    – di Selene Pascasi

    Vietato estinguere il reato di stalking con una multa

    Nel passaggio in commissione Bilancio al Senato nel Decreto fiscale su richiesta del Governo, è stato introdotto il divieto di estinguere il delitto di atti persecutori (il cosiddetto stalking) a seguito delle condotte riparatorie (nello specifico, una pena pecuniaria) previste dall'articolo

    Dl fiscale, il Senato dice sì alla fiducia

    Primo traguardo per la sessione di Bilancio al Senato, dove l'assemblea ha approvato il decreto legge fiscale collegato alla manovra 2018 con voto di fiducia chiesto questa mattina dal Governo. Al temine della "chiama" si sono contati 148 sì e 116 no, nessun astenuto. A favore del maxiemendamento

    – di Vittorio Nuti

    Lo stalking non più estinto per denaro

    Lo stalking uscirà dalla lista dei reati che è possibile estinguere con una condotta riparatoria. L'ufficio legislativo del ministero della Giustizia, su indicazione dello stesso ministro Andrea Orlando, ha infatti depositato un parere favorevole all'emendamento presentato dalla senatrice del Pd

    – di Giovanni Negri

    Processo penale, da oggi in vigore le modifiche

    Dalla prescrizione alla giustizia riparativa. Dalle nuove e più gravi sanzioni per alcuni reati di "microcriminalità" alla revisione delle impugnazioni, passando per l'irrigidimento sul rispetto dei termini per le indagini preliminari. Da oggi è in vigore un nutrito pacchetto di modifiche che

    – di Giovanni Negri

1-10 di 28 risultati