Parole chiave

Concordato fallimentare

Il concordato fallimentare è una modalità di cessazione del fallimento attraverso un accordo fra il proponente e i creditori. La differenza rispetto al concordato preventivo? Quest'ultimo serve a evitare il fallimento, il fallimentare serve a chiuderlo. Inoltre, solo nel concordato fallimentare il debitore è spogliato dell'amministrazione dei propri beni.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Concordato fallimentare |

Ultime notizie su Concordato fallimentare

    Dalla crisi al rilancio: in Val di Sole nasce Vela, un "film" più forte del Covid

    Una storica azienda di Ossana, produttrice di pellicole plastiche e film in polietilene, a rischio chiusura un paio di anni fa, ha salvato 60 dipendenti arrivando oggi 75 lavoratori. Un risultato possibile grazie alla stretta sinergia tra pubblico e privato: quella fra Trentino Sviluppo, società di sistema della Provincia autonoma di Trento, e il gruppo veneto Sogifi, solido partner industriale. Dopo importanti investimenti che hanno permesso di concretizzare la piena ripresa economica e comme...

    – Barbara Ganz

    La municipalizzata romana Atac, dopo 8 miliardi tra perdite e sussidi di denaro pubblico, chiede altri 200 milioni per non fallire

    E' uno dei casi tipici, assieme ad Alitalia, della malagestione pubblica. Atac, la municipalizzata dei trasporti di Roma, rischia di trovarsi di nuovo a un passo dal crac con l'emergenza coronavirus: lo spiega il quotidiano Il Messaggero. Per evitare il fallimento servono altri 200 milioni di euro. Questo sarebbe l'importo calcolato nelle ultime ore dagli esperti della municipalizzata dei trasporti di Roma. Si tratta dell'unico modo per tenere in piedi il concordato fallimentare avviato due anni...

    – Carlo Festa

    Da Bologna a Milano, l'immobiliare incompiuto per colpa della crisi

    Cantieri abbandonati, scheletri di edifici non finiti, palazzi disabitati, giardinetti dimenticati nell'incuria. Sono i risultati visibili di una crisi durata un decennio che ha bloccato lo sviluppo immobiliare e visto fallire aziende di costruzioni e cooperative.

    – di Paola Dezza

    York Capital in vantaggio su Porta Vittoria: comprati i crediti della Colombo Costruzioni

    Sembra davvero a una svolta la cessione dell'area di Porta Vittoria a Milano, collassata sotto il peso di 400 milioni di debiti. Il fondo americano York Capital ha infatti rilevato i crediti del maggior creditore non bancario del progetto, cioè la Colombo Costruzioni. Blue Factor, intermediario finanziario in base all'articolo 106, ha raggiunto infatti con la Colombo Costruzioni un accordo per l'acquisto dei crediti dalla stessa vantati in relazione all'operazione Porta Vittoria. York ha inoltre...

    – Carlo Festa

    York Capital rileva i maggiori crediti del progetto Porta Vittoria

    Colpo di scena nella contesa per l'area di Porta Vittoria a Milano, collassata sotto il peso di 400 milioni di debiti. Il fondo americano York Capital sembra avere messo a segno un punto decisivo a suo favore rispetto ai contendenti interessati all'area un tempo di Danilo Coppola. York Capital ha

    Ecco come il fondo Algebris di Davide Serra sta provando a battere York su Porta Vittoria

    Il fondo Algebris di Davide Serra, tramite un suo fondo, irrompe nel concordato fallimentare per Porta Vittoria, l'ex proprietà dell'immobiliarista Danilo Coppola collassata sotto il peso di 400 milioni di debiti. Algebris ha presentato una proposta per soddisfare i creditori. Da notare che, prima dell'intervento di Algebris, la base di partenza per l'asta era di 152 milioni. In precedenza si era mosso il fondo internazionale York Capital, che è stato tra i primi a guardare il dossier di Porta ...

    – Carlo Festa

1-10 di 68 risultati