Parole chiave

Concordato in appello

Da poco meno di un anno è stato reintrodotto il concordato in appello, soppresso nel 2008. L’istituto permette un accordo tra pubblica accusa e difesa sull’accoglimento di tutti, o anche solo di alcuni, dei motivi di impugnazione proposti davanti al giudice di secondo grado. L’obiettivo è quello di evitare l’appesantimento del grado di appello. La Cassazione afferma ora i limiti alla possibilità di impugnare la soluzione concordata

Ultimo aggiornamento 18 luglio 2018

Ultime notizie su Concordato in appello

    Processo penale, da oggi in vigore le modifiche

    Dalla prescrizione alla giustizia riparativa. Dalle nuove e più gravi sanzioni per alcuni reati di "microcriminalità" alla revisione delle impugnazioni, passando per l'irrigidimento sul rispetto dei termini per le indagini preliminari. Da oggi è in vigore un nutrito pacchetto di modifiche che

    – di Giovanni Negri

    Reati, torna il concordato in appello

    Ridurre il numero dei giudizi di appello e di Cassazione. E' questo l'obiettivo delle novità in materia di impugnazioni contenute nella riforma penale (approvata dalla Camera il 14 giugno, atto 4368): alcune partiranno con l'entrata in vigore della legge, mentre altre (si veda l'articolo a fianco)

    – di Guido Camera