Parole chiave

Colonnine di ricarica

Di solito le colonnine di ricarica garantiscono prestazioni con una potenza massima erogabile pari a 20 kW. Le vetture elettriche hanno la possibilità di effettuare spostamenti a medio raggio. Per una ricarica completa servono sessanta minuti circa. In alcuni casi la colonnina può inviare un sms per comunicare le sosta di ricarica del veicolo e la disponibilità o meno della postazione per la singola vettura. Le informazioni relative alla postazione si possono anche consultare, in certi casi, attraverso internet o mediante applicazioni per smartphone.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Colonnine di ricarica |

Ultime notizie su Colonnine di ricarica

    Installate 130 stazioni di ricarica rapida Enel Eva+

    Sono 130 le colonnine di ricarica Fast recharge attive, pari a 260 punti di ricarica, che Enel ha installato lungo le strade a lunga percorrenza di Italia e Austria nell'ambito del progetto EVA+, Electric Vehicles Arteries. ... EVA+ è il progetto europeo per lo sviluppo della mobilità elettrica che prevede l'installazione in tre anni, di 200 colonnine di ricarica veloce, 180 in Italia e le altre 20 in Austria, lungo le tratte extraurbane.

    Ecobonus: come funziona e quanto si risparmia

    Agevolazioni anche per l'acquisto delle colonnine di ricarica e aumenti di potenza del contatore fino a 7 kW, con un contributo di 50% sulle spese per l'installazione fino a un massimo di 3.000 euro in 10 anni.

    A Villasimius, la prima pista ciclopedonale fotovoltaica

    Senza dimenticare poi le iniziative green come i bidoni galleggianti Seabin, i cuscini di posidonia, le colonnine di ricarica per auto elettriche, la creazione di un impianto di compostaggio e i parcheggi salati nella spiaggia di Punta Molentis per regolamentare la presenza antropica nei periodi di punta.

    – di di Davide Madeddu

    Auto, ecoincentivi al top per chi rottama. Ecotassa ridotta

    Il difficile compromesso M5S-Lega sulla cosiddetta "ecotassa" si è concretizzato in un limite di 161 grammi di CO2 per chilometro per far scattare l'imposta e in un rinvio di tre mesi, a marzo, del meccanismo. Non solo, le agevolazioni vengono ricalibrate anche in accoppiata con la rottamazione di

    – di Carmine Fotina e Marco Mobili

1-10 di 138 risultati