Parole chiave

Codice appalti

Il codice degli appalti attualmente vigente è stato approvato con Dlgs 163/2006 ed è costituito da 257 articoli più vari -bis, -ter, allegati. A queste norme si aggiungono altri 359 articoli (e anche qui numerosi allegati) del regolamento attuativo del codice approvato con Dpr 207/2010. Il “corpo unico” arriva così a oltre 650 norme che nascono orginariamente dal recepimento dalle direttive Ue 2004/17 e 2004/18.

Dal 2006 a oggi il codice degli appalti ha subito oltre 600 modifiche, di cui 300 dal governo Monti a oggi.

La riforma del codice degli appalti, attualmente all’esame della commissione Lavori pubblici del Senato, nasce anzitutto dall’esigenza di recepire le nuove direttive europee 23, 24 e 25 del 2014, ma è largamente condivisa anche l’esigenza di forte semplificazione del quadro legislativo e regolamentare del settore. Quello all’esame del Senato è un Ddl delega approvato dal governo il 29 agosto 2014.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Codice degli appalti | Senato | Ministero dei Lavori pubblici | Monti |

Ultime notizie su Codice appalti

    Si studia una mini Ires per le imprese che riportano la produzione in Italia

    La proposta più dirompente, anche perché destinata ad aprire un confronto con la Ue molto complicato, è forse quella arrivata proprio da Patuanelli. Lo Sviluppo pensa all'abbattimento dell'Ires, dal 24 fino al 10-12%, per le aziende che hanno delocalizzato - in Cina ma non solo - e che decidono di riportare in Italia la produzione

    – di Carmine Fotina

    Guida allo sblocca-cantieri

    Quarantanove articoli e un pacchetto di modifiche che ritocca in tutto più di 50 passaggi del Codice appalti. Sono i numeri della rivoluzione del decreto sblocca cantieri, il provvedimento appena convertito in legge che ha tutti i connotati di una revisione profonda delle nostre norme in materia di

    Appalti bloccati: l'84% fermi prima del via ai cantieri

    L'84% delle opere ferme risulta bloccato prima dell'apertura dei cantieri per cause procedurali amministrative (nel 43% dei casi), per cause finanziarie (36%) o per decisioni politiche che non arrivano prima della gara (19%). Per un terzo dei casi si presenta più di una causa di blocco (questo

    – di Giorgio Santilli

    Sblocca cantieri e debiti PA: un Paese fermo con la voglia di arretrare

    Appaiono paradossali le discussioni politiche legate alla conversione in legge del Decreto Sblocca cantieri ed a come pagare i debiti della pubblica amministrazione. Fanno capire bene perché l'Italia sia un Paese fermo, non solo in termini di crescita del Pil. Partiamo dal primo tema. La legge di conversione è stata appena approvata anche dalla Camera. Avrete letto e sentito della cosiddetta "sospensione del codice appalti per due anni". Ciò significa che una serie di misure rilevanti del codic...

    – Francesco Bruno

    Infrazioni europee, Italia da record con sei al mese. L'ambiente è il tallone d'Achille

    Record di infrazioni per l'Italia, che totalizza 1.358 procedure avviate dalla Commissione europea da gennaio 2002 a oggi, di cui 71 ancora aperte. Proprio in queste ore in cui i rapporti tra Roma e Bruxelles si fanno sempre più tesi, dopo la lettera di chiarimenti inviata il 29 maggio al nostro

    – di Marina Castellaneta e Michela Finizio

1-10 di 506 risultati