Parole chiave

Clup

Il costo del lavoro per unità di prodotto (Clup) è il rapporto tra costo del lavoro e la produttività. Secondo la Banca d'Italia, il Clup è calcolato come il rapporto tra i redditi da lavoro dipendente - stipendi, oneri diversi e benefit -per unità standard di lavoro (costo del lavoro pro capite) e la produttività media del lavoro (valore aggiunto diviso per le unità standard di lavoro). Rappresenta un importante indicatore della competitività delle imprese

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Salari e stipendi | Costo del lavoro per unità di prodotto | Banca d'Italia |

Ultime notizie su Clup

    Rinascimento industriale con export e investimenti

    Il primo segnale arriva dai telefoni. Che non squillano più. Alla fine del 2008, in poche settimane per migliaia di aziende italiane il mercato sparisce, i clienti si defilano, anche ordini già piazzati sono cancellati.

    – di Luca Orlando

    Confindustria: Pil cresce ma ritorno a livelli pre-crisi nel 2021

    Il Pil italiano è in risalita ma i livelli pre-crisi sono «ancora molto lontani». Infatti, «proseguendo la crescita al passo attuale, il recupero dei livelli persi nel corso della crisi si concluderebbe nel 2021». E' quanto rileva il Centro studi di Confindustria nel rapporto sugli scenari

    – di Redazione Online

    Lavoro, produttività in caduta nel 2016

    La produttività del lavoro si conferma una delle patologie italiane più difficili da "curare": l'ultimo dato appena pubblicato da Eurostat evidenzia un calo nel 2016, di 0,8 punti percentuali rispetto all'anno precedente, in controtendenza con i nostri competitor europei. In Germania, per esempio,

    – di Giorgio Pogliotti e Claudio Tucci

    Se non riparte la produttività continueremo a tagliare i salari

    Pubblichiamo un post di Fedele De Novellis, partner ed economista senior di REF Ricerche - Il dibattito sulla crisi italiana ha proposto negli ultimi anni diverse chiavi di lettura. Alcune di queste pongono al centro dell'attenzione il tema della perdita di competitività avvenuto nel corso degli anni duemila, sottolineando in alcuni casi i problemi causati dall'adesione all'euro e dalla conseguente impossibilità di ricorrere allo strumento della svalutazione per riequilibrare i livelli dei prez...

    – Econopoly

    Nota CsC: contro la crescita lenta urgente far ripartire il credito alle imprese

    In Italia, la seconda recessione dall'inizio della grande crisi è ormai alle spalle, ma per ripartire sul serio l'Italia ha una strada obbligata: «Favorire rapidamente la ripartenza del credito alle imprese italiane». Questa, in sintesi, l'indicazione che arriva dall'ultima "Nota" del Centro studi

    Il modello Milano batte i competitor. Manifattura leader in Europa

    La via milanese e lombarda alla nuova manifattura si conferma al di sopra della media del migliore standard europeo. Con, al suo interno, una polarizzazione crescente fra imprese efficienti e non efficienti. Anche se, per restare a pieno titolo nel cuore della manifattura continentale, deve

    – di Paolo Bricco

    Il modello Milano batte i competitor europei

    La via milanese e lombarda alla nuova manifattura si conferma al di sopra della media del migliore standard europeo. Con, al suo interno, una polarizzazione crescente fra imprese efficienti e non efficienti. Anche se, per restare a pieno titolo nel cuore della manifattura continentale, deve

    – di Paolo Bricco

    Produttività, ritardo di 16 punti dalla Ue

    Se la modesta crescita dell'economia italiana ha le sue radici nel basso andamento della produttività, in un contesto storico caratterizzato da profitti ai minimi lo scambio «salario/produttività» resta l'unico praticabile. Lo dice chiaro il nuovo presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia,

    – Davide Colombo

1-10 di 77 risultati