Parole chiave

Clausola antielusiva

Le fattispecie elusive si realizzano quando, in assenza di valide ragioni economiche, il contribuente aggira le norme per conseguire un vantaggio fiscale altrimenti indebito. L'articolo 37-bis del Dpr 600/1973 contiene una clausola antielusiva in base alla quale gli atti compiuti solo per aggirare norme fiscali sono non illegittimi ma inopponibili all'amministrazione finanziaria. La giurisprudenza ha poi fissato il principio dell'abuso del diritto, che estende il sindacato antielusivo a ogni tipo di operazione.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fisco | Clausola antielusiva |

Ultime notizie su Clausola antielusiva

    Affitti commerciali: cedolare solo per nuovi accordi

    Dopo anni di annunci, arriva la cedolare secca sui negozi affittati. La legge di Bilancio, però, sottopone i potenziali interessati a una serie di limiti così severi che ben pochi potranno davvero applicare la tassa piatta al 21 per cento.

    – di Dario Aquaro e Cristiano Dell'Oste

    Irrilevanti le riserve da utili al fair value

    L'Ace fa i conti con le ripetute modifiche normative. Dopo le penalizzazioni introdotte dalla legge di bilancio 2017 e dalla manovrina di primavera, alla vigilia delle ferie è giunto - tardivamente - il decreto ministeriale sulle ricadute dei nuovi principi contabili Oic applicati nel bilancio

    – di Luca Gaiani

    Sulle procedure il «peso» delle leggi nazionali

    Il caso esaminato dalla Corte di giustizia Ue nella causa C-682/15 riguarda la distribuzione di dividendi da una società francese a un fondo comune d'investimento alternativo lussemburghese costituito in forma di società.

    – di Marco Piazza

    Imposta fissa sui «paperoni», test doppia imposizione

    Il regime dei neo residenti introdotto dall'articolo 24-bis del Tuir, anche alla luce delle modalità individuate dal provvedimento delle Entrate dell'8 marzo, fa scendere in campo l'Italia nel terreno della competizione fiscale e ora il nostro Paese rappresenta, per i soggetti ad alto patrimonio,

    – di Antonio Tomassini

    Transfer price, rettifiche da provare

    Spetta all'amministrazione finanziaria dimostrare la fondatezza delle rettifiche di transfer pricing, con la conseguenza che, laddove tale onere non sia stato assolto dall'Agenzia, l'atto impositivo emesso è illegittimo e va annullato. E' quanto affermato dalla commissione tributaria regionale

    Abuso del diritto, così la depenalizzazione

    L'abuso del diritto è ormai depenalizzato. E l'impatto è immediato sui procedimenti in corso, portando di fatto al proscioglimento, con la classica formula «perchè il fatto non è più previsto dalla legge come reato», anche chi era già stato condannato due volte dai giudici di merito. Questa la

    – Giovanni Negri

    Abuso del diritto con effetto allargato

    Sempre più operazioni a rischio: dal ripiano delle perdite agli acquisti di aziende per parti separate - IL QUADRO - In alcuni casi conseguenze penali per i contribuenti Solo alcuni giudizi di merito escludono l'applicabilità ai tributi non armonizzati

    – Antonio Iorio

    Transfer pricing anche in Italia

    Sulla base dell'abuso del diritto contraddetto il precedente orientamento della disciplina - I PROBLEMI - Difficile per un imprenditore individuare un prezzo non inattaccabile soprattutto nel settore delle prestazioni di servizi

    – Antonio Iorio

1-10 di 15 risultati