Parole chiave

Circuit breaker

Il circuit breaker introdotto nelle Borse cinesi a partire da inizio anno prevede una sospensione di mezz’ora delle contrattazioni quando l'indice di riferimento di Borsa sale o scende di più del 5% e la chiusura anticipata quando sale o scende di più del 7 per cento. Uno strumento pensato per ridurre gli sbalzi ma che in realtà ha prodotto nelle prime sedute del 2016 effetti opposti, tanto che le stesse autorità hanno ammesso che «non ha funzionato come previsto». La China Securities Regulatory Commission ha deciso la stop al meccanismo in seguito alla burrascosa seduta di borsa del 7 gennaio, durata complessivamente
meno di 30 minuti.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: China Securities Regulatory Commission | Borsa Valori |