Parole chiave

Cicr

Il Testo unico bancario attribuisce al Comitato interministeriale per il credito ed il risparmio (Cicr) la vigilanza in materia di credito e di tutela del risparmio.

Nella regolamentazione dell’attività delle banche e degli altri intermediari finanziari disciplinati dal Testo unico , il Cicr delibera, su proposta della Banca d'Italia, princìpi e criteri per l’esercizio della vigilanza.

Le deliberazioni in tema di trasparenza delle condizioni contrattuali concernenti le operazioni e i servizi bancari e finanziari sono assunte su proposta della Banca d’Italia d'intesa con la Consob.

Tra le funzioni del CICR rientra anche il rilascio di “parere conforme” sull'emissione di prestiti obbligazionari da parte delle Regioni a statuto ordinario e della Valle d’Aosta.

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Testo unico bancario | Banca d'Italia | Consob | Comitato interministeriale per il credito e il risparmio |

Ultime notizie su Cicr

    Il divorzio tra Tesoro e Bankitalia che cambiò la politica monetaria

    «Caro Governatore, ho da tempo maturato l'opinione che molti problemi di gestione della politica monetaria siano resi più acuti da un'insufficiente autonomia della condotta della Banca d'Italia...». Un motociclista il 12 febbraio 1981 percorse il breve tratto da via Venti Settembre a via Nazionale

    – di Davide Colombo e Carlo Marroni

    Stretta al prestito sociale Coop: finanziamenti mirati solo all'attività d'impresa

    Giro di vite sul prestito sociale delle cooperative. E viene in mente quello delle cooperative di consumo, in particolare quello della catena commerciale Coop che dispone di un prestito sociale di oltre 9 miliardi. Molti ricordano le vicende della Coop Trieste e della Coop Carnica  che probabilmente hanno impposto un intervento, prima, di Banca d'Italia e, adesso, del Governo. Con la legge finanziaria 2018 si sottolinea che i finanziamenti dei soci alle cooperative devono essere strettamente fin...

    – Emanuele Scarci

    Visco: «Renzi mi chiese di Etruria, non gli risposi. Da Boschi nessuna pressione»

    Sulle crisi bancarie «ho due rimpianti». Il primo è per non «aver spinto con forza» le banche sul recupero delle sofferenze e la seconda è di essersi accorti dei problemi della Popolare di Vicenza solo nel 2014 dopo l'ispezione e l'emersione del fenomeno delle "baciate". Lo ha affermato il

    – di Redazione Online

    Dopo oltre vent'anni ritorna a Siena la «banca pubblica»

    E' tornato dello Stato, dopo 22 anni. In una vita precedente - prima, di Antonventa, di Banca 121, della Fondazione e dello sbarco in Borsa, che avvenne nel '99 a 3,85, curiosamente lo stesso livello di oggi (salvo che il capitale nel frattempo si era azzerato, ma questo si sa) - le nomine le faceva

    – di Carlo Marroni

    In Afghanistan si spara sui soccorritori, un paziente afgano uccide una fisioterapista spagnola della Croce Rossa

    Non si spara sulla Croce Rossa ma questa regola della civiltà sembra non avere più senso in un Afghanistan sempre più devastato dopo decenni di guerre senza fine. Un paziente afghano in visita per ricevere un arto artificiale presso un ambulatorio della Croce Rossa ha sparato, usando un'arma che aveva nascosto nella sua sedia a rotelle, a una dipendente dell'organizzazione internazionale. La dipendente Lorena Enebral Pérez, di 38 anni, del Comitato internazionale della Croce Rossa (Icrc), uccisa...

    – Vittorio Da Rold

    Da «babbo Monte» a sinonimo di crack

    Un anziano consigliere di quello che fu il Monte dei Paschi ricorda che, a metà degli anni '80, l'allora ragioniere capo della banca andò da lui allarmato: «Professore, c'è una cosa che le debbo dire?. abbiamo in bilancio un utile di 50 miliardi in più di quanto previsto? E ora che si fa?». Era

    – Carlo Marroni

1-10 di 119 risultati