Parole chiave

Ciclo integrato

La legge Galli ha scelto nel 1994 di portare in Italia il ciclo integrato per le gestioni idriche. Si tratta di una modalità di gestione che prevede l'integrazione verticale fra tre attività prima di allora rigorosamente separate: la distribuzione dell'acqua attraverso il sistema acquedottistico, la fognatura e la depurazione. La legge Galli ha previsto anche una forma di integrazione orizzontale, superando la competenza del servizio su base comunale e obbligando gli enti locali a integrarsi in Ambiti territoriali ottimali, generalmente su base provinciale. Nell'Ato è prevista una gestione unica. Il 30% degli italiani vive ancora con il vecchio sistema

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Rifiuti | Legge Galli |