Parole chiave

Chimica fine

La chimica fine e delle specialità è quel segmento dell’industria chimica caratterizzato dalle produzioni in quantitativi modesti, per applicazioni molto specifiche e con valore aggiunto più alto rispetto alle produzioni massive di commodity.

Fra queste produzioni, a volte “sartoriali” su richiesta del cliente, spiccano gli aromi alimentari, i nobilitanti per l’industria tessile e per l’abbigliamento e altri ingredienti, spesso “segreti”, che rendono unico il made in Italy.

Ultimo aggiornamento 23 marzo 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Chimica fine |

Ultime notizie su Chimica fine

    Una green society come cuscinetto tra crisi e politica

    La crisi climatica interroga il modello di sviluppo. Questo sostiene il Manifesto per una economia a misura d'uomo promosso da Fondazione Symbola. Interroga, raccogliendo adesioni, il fare impresa e il fare società. Sarà presentato a gennaio ad Assisi, terra francescana. Propone una sorta di "via

    – di Aldo Bonomi

    La metamorfosi delle piattaforme agricole

    Una volta la parola chiave per raccontare i territori era "distretto". Oggi ti ritrovi a usare, mutandola dal digitale, "piattaforma". Potenza della tecnica e del desiderio di guardare avanti per capire tendenze economiche e sociali. Partendo dalle potenzialità del digitale, scaviamo dentro le

    – di Aldo Bonomi

    La chimica ritrova il mercato interno: produzione in crescita del 2,6%

    E' nella moquette dell'albergo dove siamo stati in vacanza, nella crema idratante, nel rossetto dell'anno, nell'auto che ci è appena arrivata, nel nuovo colore delle pareti di casa o in quello della sciarpa che abbiamo appena comprato o nella pelle incredibilmente morbida delle nostre scarpe. La

    – di Cristina Casadei

    Nuovo stabilimento Halo Industy a Torviscosa

    Il taglio del nastro e, subito dopo, un pizzico di sale alle spalle, in segno di buon augurio. Il sale che alimenta il ciclo del cloro soda, un produzione che nel dopoguerra aveva dato fama mondiale a Torviscosa, Udine, città nata negli anni Trenta nei territori di bonifica, caratterizzata da

    – di Barbara Ganz

    Chimica, leadership europea a rischio, ma resiste l'innovazione

    Se è sano realismo ammettere che l'Europa ha perso la corona della chimica mondiale, almeno sul piano dei ricavi e della produzione, lo è ancora di più dire che «in questo momento cruciale per la competitività di questo che è il quinto settore manifatturiero in Europa, bisogna investire e

    – di Cristina Casadei

    Nuove professioni da Industria 4.0

    Segnatevi questi nomi: regulatory affairs, business analyst, Hse specialist, designer engineer, connectivity e cyber security specialist, business intelligent analyst, data scientist, data specialist. Il futuro del lavoro è in queste (ma non solo) nuove professioni, che hanno tutte un unico

    – Marco Biscella

    Secondo semestre in salita per la chimica italiana

    Sugli investimenti delle imprese chimiche italiane nei prossimi mesi nessuno sembra disposto a mettere le mani sul fuoco. Ci sono troppe variabili che non si riescono a controllare, si veda il quadro politico internazionale, ma ci sono anche troppi lacci e lacciuoli burocratici su cui molto si

    – di Cristina Casadei

    Le troppe ambiguità di Pechino

    A distanza di 15 anni dalla firma del Protocollo (1� novembre 2001) che ha siglato l'ingresso della Cina fra i Paesi membri della Wto, il Paese non è certo oggi una piena "economia di mercato". Basta pensare anche solo al primo dei cinque requisiti, che recita «non interferenza del governo nelle

    – di Fabrizio Onida

    La chimica riparte con l'innovazione

    Giacomo Fauser e il processo di sintesi dell'ammoniaca. Giulio Natta e il polipropilene. Due storie di chimica, nate in Italia e destinate a rivoluzionare interi settori produttivi e a consentire a tutti di accedere ai beni di largo consumo e al benessere. Due storie di innovazione, cambiamento e

    – Cristina Casadei

    L'industria chimica eccellenza di innovazione

    Pochi lo sanno, ma due delle più grandi scoperte scientifiche del secolo scorso sono state partorite dalla chimica italiana. Il processo di sintesi dell'ammoniaca di Giacomo Fauser e il polipropilene che valse il premio Nobel del 1952 a Giulio Natta. Bene ha fatto il presidente di Federchimica

    – Lello Naso

1-10 di 48 risultati