Parole chiave

Cds

Il credit default swap (CDS) è un contratto con il quale il detentore di un credito (protection buyer) si impegna a pagare una somma fissa periodica, in genere espressa in basis point rispetto a un capitale nozionale, a favore della controparte (protection seller) che, di converso, si assume il rischio di credito gravante su quella attività nel caso in cui si verifichi un evento di default futuro ed incerto (credit event).

Ultimo aggiornamento 13 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Default futuro | Confederazione Democratica Studentesca |

Ultime notizie su Cds

    Dal piano B di Savona ai mini-BoT, quanto ci costa il fantasma «Italexit»

    Il vero spettro per i mercati si chiama «Italexit». E' un fantasma che conosciamo. Già durante la crisi del 2011-2012, quando lo spread toccò i suoi massimi storici, l'Italia rischiò un clamoroso ritorno alla lira. Un rischio correlato alla speculazione di mercato sulla fine della moneta unica. Una

    – di Andrea Franceschi

    Come si spiega la corsa all'acquisto del debito greco

    L'Italia si conferma l'unico Paese dell'area Euro a non beneficiare dell'incredibile rally che stanno sperimentando i prezzi delle obbligazioni governative. Se guardiamo al calo dei rendimenti sulla scadenza dei 10 anni, i risultati da inizio 2019 sono impressionanti: -40 punti base (-0,4%) per il

    – di Marcello Minenna

    Ok Ue alle Gacs, ma sono più care per il rischio Italia

    Arriva il via libera di Bruxelles alla nuova finestra per le Gacs, le garanzie pubbliche sulle tranche senior delle cartolarizzazioni di Npl bancari. Come chiesto dall'Italia la nuova tornata è lunga, due anni prorogabili per un terzo anno invece dei 18 mesi più 12 del primo round. Ma nel nuovo

    – di Luca Davi e Gianni Trovati

    Rischio Italia, ecco quanto viene prezzato sul mercato dei derivati

    Lo spread tra Bund e BTp è notoriamente il termometro più utilizzato per misurare il rischio Paese. Ma se si fa il confronto tra il rendimento dei BTp e quello dei Treasury americani si scopre che il costo di rifinanziamento a 10 anni dell'Italia è superiore di appena 20 punti rispetto a quello

    – di Andrea Franceschi

    Derivati, i 5 Paesi a maggior rischio bancarotta

    I credit default swap (o Cds) sono contratti derivati che funzionano come polizze di assicurazione sul rischio insolvenza di un debitore. Più alto è il loro prezzo maggiore è la rischiosità percepita dal mercato. Sono insomma una sorta di termometro del rischio di controparte che prescinde da

    – di Andrea Franceschi

    Titoli di Stato, le tre ragioni che possono fare salire la tensione

    La buona notizia è che dopo aver toccato i 292 punti base mercoledì, lo spread tra BTp e Bund si è un po' calmato. Ieri ha chiuso a 278. La cattiva notizia è che nelle prossime settimane e mesi almeno tre forze convergenti rischiano di aumentare la pressione sui nostri titoli di Stato: una interna,

    – di Morya Longo

    Lo spread e il peso delle parole

    Evitare i messaggi che creino solo tensioni gratuite, e che fanno elevare lo spread solo per le parole. Il presidente della Confindustria, Vincenzo Boccia, ha considerato «giustissimo» l'intervento espresso dal governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, che ha segnalato le conseguenze sul

    – di Rossella Bocciarelli

    Visco: spread raddoppiato dal 2018, ora comincia a pesare

    Lo spread italiano «è sopra 270 punti base, più del doppio del livello di inizio 2018, prima delle elezioni politiche» e l'alto livello del debito «espone l'Italia alla volatilità del mercato finanziario». Lo ha detto il governatoredi Bankitalia, Ignazio Visco, nel suo intervento al Aaron Istituto

    In autostrada sequestri fatti pure con carri non autorizzati

    Dopo meno di quattro mesi affiorano ricorsi (si veda l'articolo sotto) e dubbi. L'oggetto è la circolare del 21 gennaio con cui il ministero dell'Interno ha dettato le procedure per applicare le nuove norme su sequestro e fermo amministrativo del veicoli stabilite dal decreto sicurezza (Dl

    – di Silvio Scotti

    Deutsche Bank ko in Borsa, il mercato vuole un piano B dopo Commerzbank

    Primo trimestre in utile ma tonfo in Borsa perDeutsche Bank: dopo lo stop al negoziato con Commerzbank, i broker non si accontentano della strategia attuale e vogliono altre opzioni per il futuro dell'istituto. Alla Borsa di Francoforte le azioni scendono del 3%, mentre sale Commerz: proprio la

    – di Andrea Fontana

1-10 di 1409 risultati