Parole chiave

Cbcr

Nel country by country reporting le società controllanti di gruppi multinazionali con ricavi consolidati superiori a 750 milioni di euro dovranno indicare, per ogni giurisdizione in cui il gruppo opera i ricavi, gli utili lordi, le imposte pagate e maturate, insieme con altri elementi indicatori di un’attività economica effettiva. Il primo anno oggetto di rendicontazione è il 2016. Entro giugno 2018 vi sarà il primo scambio automatico del Cbcr tra gli stati che hanno aderito al progetto Beps.

Ultimo aggiornamento 05 febbraio 2018

Ultime notizie su Cbcr

    Nel consolidato mondiale l'arma contro l'elusione

    Le multinazionali distribuiscono le loro funzioni ovunque e per capire chi fa che cosa nella creazione del valore è operativo lo standard Cbcr – Country by country reporting – al quale sono obbligate le imprese con ricavi consolidati di almeno 750 milioni di euro.

    – di Raffaele Rizzardi

    La convergenza sulle convenzioni è la strada maestra

    L'introduzione di una web tax per ripartire più equamente il carico impositivo delle multinazionali della digital economy tra i Paesi dove queste operano è una delle priorità dei principali governi europei che in vista del vertice di Tallinn sembra lavoreranno (opportunamente) su un documento

    – di Antonio Tomassini

    Più trasparenza fiscale per le multinazionali nella Ue ma c'è una scappatoia

    Il Parlamento europeo ha approvato ad ampia maggioranza le nuove regole dell'Unione europea a favore dell'obbligo di una maggiore trasparenza finanziaria e fiscale per le multinazionali che operano all'interno della Ue. Si tratta del cosiddetto "country by country report". Ma su iniziativa dei gruppi conservatori, l'assemblea ha anche introdotto una clausola di salvaguardia che permetterebbe alle corporation di non fornire un quadro esauriente delle loro attività globali e delle tasse versate ai...

    – Angelo Mincuzzi

    Multinazionali sotto controllo fiscale Ue

    Tassazione: le multinazionali devono rivelare quante tasse pagano per paese. Con l'approvazione, in prima lettura, da parte del Parlamento Europeo (con 534 voti favorevoli, 98 contrari e 62 astensioni ), di una proposta legislativache obbligherà le multinazionali di fornire al pubblico le

    – dalla Redazione

    L'idolo delle sfilate

    Ha diciassette anni, è alto uno e novantotto, porta il 46 di piede e potrebbe essere colui che risolverà l'annoso problema del soffitto di cristallo nel mondo della moda. Lucky Blue Smith non è una marca di sigarette ma il modello del momento: minorenne, ha già realizzato primarie campagne per Tom

    – Michele Masneri