Parole chiave

Buoni postali

I buoni fruttiferi postali sono dei prodotti di investimento finanziario. Costituiscono, assieme ai libretti di risparmio postale, il cosiddetto risparmio postale.Sono rappresentati da titoli cartacei (o registrazioni contabili, nel caso dei buoni dematerializzati) di un credito in favore del titolare nei confronti dell’Emittente.Sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), società di proprietà dello Stato italiano. Lo Stato Italiano è anche garante diretto dei buoni emessi.

I buoni fruttiferi postali, che continuano ad essere assoggettati alla ritenuta fiscale sugli interessi del 12,50%, sono collocati in esclusiva da Poste Italiane.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Prodotti e servizi | Risparmio postale | CDP | Poste Italiane |

Ultime notizie su Buoni postali

    Imposta sulle persone, cinque Paesi Ue a confronto

    Di seguito un confronto sulla regola e gli effetti dell'imposta sulle persone fisiche fra l'Italia e alcuni altri Paesi europei (Francia, Germania, Spagna e Regno unito). Con la finalità di cogliere differenze di disciplina e, attraverso alcuni esempi, gli effetti che queste discipline con ispirazioni diverse possono provocare

    Quei buoni postali con il rendimento dimezzato

    Numerosi cittadini investirono nei buoni postali, attratti da un "rifugio" sicuro per i propri risparmi e dai rendimenti allettanti. Nel 1986, però, la corsa dei tassi di interesse cambia rotta e il provvedimento è retroattivo. Per molti, a scadenza, è stata una amara sorpresa

    Nella manovra 14 miliardi di flessibilità. Stop all'aumento Iva e deficit al 2,2% nel 2020

    Con un deficit che si ferma al 2,2% come da attese, un obiettivo di crescita che non va oltre lo 0,6% e un debito che scende dal 135,7% al 135,2%, la Nota di aggiornamento al Def approvata il 30 settembre dal consiglio dei ministri disegna i contorni di quella che per il governo sarà una manovra di transizione

    – di Marco Rogari e Gianni Trovati

    Manovra, dove e come il Governo cercherà di recuperare 31-33 miliardi

    Al ministero dell'Economia le riunioni sono in corso e la linea diretta con Bruxelles resta aperta in vista del consiglio dei ministri che lunedì dal tardo pomeriggio dovrà esaminare la Nota di aggiornamento al Def. Le variabili sono ormai risicate. Ma l'obiettivo politico è cruciale: evitare in via preventiva il rischio di scontro con la Ue

    – di Marco Rogari e Gianni Trovati

    Manovra, slitta a lunedì l'aggiornamento dei conti

    La scadenza del 27 settembre, fissata dall'ordinamento italiano del bilancio, non ha il carattere perentorio dei termini europei, per esempio quello che impone di mandare a Bruxelles il programma di bilancio entro il 15 ottobre

    – di Gianni Trovati

    Manovra, nel 2020 spinta al Pil limitata allo 0,3%

    Verso la Nadef. Effetto espansivo quasi solo dallo stop all'Iva, che pesa per il 66% della manovra. Obiettivo crescita a 0,5-0,6%, si tratta con la Ue per un deficit al 2,1-2,2%

    – di Marco Rogari e Gianni Trovati

1-10 di 160 risultati