Parole chiave

Bundesbank

È la banca centrale della Germania. Fondata nel 1957 al posto della bank Deutscher Länder (che aveva introdotto il marco tedesco nel 1948), ha sede a Francoforte, come la Banca centrale europea. Nel corso degli anni si è guadagnata una grande credibilità per la sua indipendenza e per la capacità di tenere sotto controllo l'inflazione e di garantire una moneta forte e stabile come il marco. Attualmente fa parte dell'Eurosistema come le altre 16 banche centrali dell'area euro. Il suo presidente è Jens Weidmann, che ha preso il posto del dimissionario Axel Weber. Ha avuto un ruolo fondamentale nella creazione della Banca centrale europea.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Moneta forte | Bce | Jens Weidmann | Bundesbank | Germania | Deutscher Länder | Eurosistema |

Ultime notizie su Bundesbank

    Il nuovo Quantitative Easing: spazio alla condivisione dei rischi

    Le banche centrali delle principali aree valutarie sono un po' tutte all'opera per valutare come intervenire al meglio nel prossimo autunno che rischia di essere più caldo del solito. Gli spazi di manovra non sono tanti tenuto conto che la BCE già opera in area di tassi negativi; non è quindi un

    – di Marcello Minenna

    La Germania è, di nuovo, il malato d'Europa?

    In questi giorni c'è stata la sconvolgente notizia che anche la Germania ha qualche problema. Torna a sentirsi in giro la vecchia frase "la Germania è il malato d'Europa": se lo chiede persino Bloomberg. Se assumiamo che una nazione, la sua economia, la sua società sono un "organismo" complesso, si può affrontare la questione Germania analizzando vari elementi. Fattori Esogeni La crisi del 2007: salvataggi da 70 miliardi ne abbiamo Pur non essendo la nazione epicentro della crisi la Germania ...

    – Enrico Verga

    Piazza Affari chiude a -1,1% nel Conte-day, spread cala a 204 punti, sprint Juve

    A Piazza Affari hanno terminato in territorio negativo i titoli bancari sebbene in recupero sul finale grazie al restringimento dello spread. In difficoltà anche i titoli del settore energetico a causa della flessione a New York del prezzo del greggio (-1,7%). Bene il titolo Juventus con i tifosi che sognano di poter affiancare Neymar a Cr7

    – di Paolo Paronetto e Corrado Poggi

    Effetto banche centrali ma non solo, Piazza Affari (+1,9%) guida l'Europa

    Ampi progressi per i listini del Vecchio Continente, sostenuti anche da Wall Street che sale più dell'1%. Sotto i riflettori le mosse della Germania e delle Banche centrali, con gli stimoli annunciati dalla Cina e le possibili azioni di Fed e Bce. Si continua a guardare ai rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina. A Piazza Affari volano Cnh Industrial, le banche e gli industriali. Spread chiude invariato a 208 punti

    – di Flavia Carletti e Stefania Arcudi

    Italia e Spagna all'esame dello spread

    All'indomani della crisi, Italia e Spagna, i due paesi più importanti della periferia dell'Eurozona, hanno mostrato un andamento simile del premio per il rischio (spread) chiesto dal mercato per finanziare il loro debito pubblico rispetto a quello tedesco.

    – di Marcello Minenna

    La Germania paga i dazi: il Pil torna negativo (-0,1%): recessione alle porte

    Germania a rischio recessione tecnica. Il Pil si è contratto nel secondo trimestre dello 0,1% rispetto al primo trimestre, a causa dell'export che è calato più rapidamente delle importazioni: la contrazione era prevista ed è in linea con il consensus, anche se per la Bundesbank il calo sarebbe potuto arrivare a -0,2%

    – dal nostro corrispondente Isabella Bufacchi

    Libra, la privacy e la promessa di servizi finanziari a basso costo

    Le molte e varie critiche che suscita il progetto Libra hanno tutte una preoccupazione in comune: che i dati sui movimenti finanziari possano essere uniti ai dati che già raccolgono i Big five - Apple, Alphabet (Google), Microsoft, Facebook e Amazon - consentendo una profilatura ancora più completa

    – di Franco Debenedetti

1-10 di 2160 risultati