Parole chiave

Brexit

La parola si riferisce al referendum indetto per chiamare il popolo britannico ad esprimersi sulla volontà di restare o meno nell'Unione europea (da "Britain", Gran Bretagna e "Exit", uscita). Il referendum, tenutosi il 23 giugno 2016, si è concluso con la vittoria del fronte favorevole all'uscita (52%). La messa in pratica della volontà dei cittadini britannici non sarà immediata, occorrono infatti circa 2 anni per negoziare il nuovo status come prevede l'articolo 50 del Trattato Ue. Theresa May con un emendamento alla Withdrawal Bill (o Repeal Bill), la legge quadro sul divorzio dall'Ue ha poi fissato la data dell’uscita per venerdì 29 marzo 2019, alle ore 23.

Ultimo aggiornamento 10 novembre 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Normativa europea | Gran Bretagna | Fronte favorevole | Unione Europea |

Ultime notizie su Brexit

    Bond e oro: beni rifugio al top

    Per questa categoria di fondi si tratta del maggior flusso di investimento registrato dai tempi della Brexit.

    – di Andrea Franceschi

    Draghi pronto a riarmare il bazooka: a settembre taglio dei tassi e apertura del Qe2

    Il governatore della Banca centrale finlandese Olli Rehn preannuncia che il pacchetto di misure di stimolo per una politica monetaria più accomodante, alla prossima riunione della Bce il 12 settembre, andrà oltre le aspettative dei mercati. Rehn conferma l'arrivo del taglio dei tassi e la riapertura degli acquisti netti di attività, il QE2. I mercati hanno subito reagito: il rendimento dei Bund e BTp decennali è sceso

    – di Isabella Bufacchi

    Dove vorrebbero migrare i migranti? L'Italia è come il Giappone

    Nonostante Trump e la deriva non esattamente amichevole del Governo americano verso gli immigrati, gli Stati Uniti restano la nazione verso cui i migranti preferirebbero andare. Lo mostra un'analisi condotta dall'istituto di rilevazioni Gallup e sottolineata  dal World Economic Forum, secondo cui poco più di un intervistato su cinque sceglierebbe, potendo, di trasferirsi proprio in America. Germania e Canada vengono dopo, e a una certa distanza, mentre l'Italia viene menzionata di rado e allo s...

    – Infodata

    Recessione, il commercio spaventa più della curva dei rendimenti

    Potrebbe essere battezzato l'asse della paura. Corre dagli Stati Uniti alla Cina, dalla Gran Bretagna all'Argentina, dalla Germania fino all'Italia, dalla Corea del Sud al Giappone. Un asse globale che stringe d'assedio l'economia globalizzata. E che ruota attorno al simbolo stesso di questa globalizzazione - e adesso della nuova paura: il commercio.

    – di Marco Valsania

    La Germania paga i dazi: il Pil torna negativo (-0,1%): recessione alle porte

    Germania a rischio recessione tecnica. Il Pil si è contratto nel secondo trimestre dello 0,1% rispetto al primo trimestre, a causa dell'export che è calato più rapidamente delle importazioni: la contrazione era prevista ed è in linea con il consensus, anche se per la Bundesbank il calo sarebbe potuto arrivare a -0,2%

    – dal nostro corrispondente Isabella Bufacchi

    Berlino, braccio di ferro sul nuovo indebitamento per investimenti

    Investimenti pubblici record poco sotto i 40 miliardi l'anno tra il 2020 e il 2023 - di cui 5 miliardi solo per la digitalizzazione - per «innovare e modernizzare il Paese»: un totale di 159 miliardi che rappresenta un aumento del 30% rispetto al quadriennio precedente

    – di Isabella Bufacchi

    L'Emilia Romagna cresce con l'export ma il futuro è incerto

    Nel 2018, l'economia della Regione è cresciuta grazie alle vendite estere e agli investimenti. Con effetti benefici su occupazione e consumi. Ma tra Brexit e dazi, l'eccessiva apertura del sistema pone dubbi sul futuro

    – di Laura Cavestri

1-10 di 5939 risultati