Parole chiave

Brexit

La parola si riferisce al referendum indetto per chiamare il popolo britannico ad esprimersi sulla volontà di restare o meno nell'Unione europea (da "Britain", Gran Bretagna e "Exit", uscita). Il referendum, tenutosi il 23 giugno 2016, si è concluso con la vittoria del fronte favorevole all'uscita (52%). La messa in pratica della volontà dei cittadini britannici non sarà immediata, occorrono infatti circa 2 anni per negoziare il nuovo status come prevede l'articolo 50 del Trattato Ue. Theresa May con un emendamento alla Withdrawal Bill (o Repeal Bill), la legge quadro sul divorzio dall'Ue ha poi fissato la data dell’uscita per venerdì 29 marzo 2019, alle ore 23.

Ultimo aggiornamento 10 novembre 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Normativa europea | Gran Bretagna | Fronte favorevole | Unione Europea |

Ultime notizie su Brexit

    L'allarme (ignorato) della sterlina

    Brexit per il Regno Unito sarà un salto nel vuoto; la probabilità di farsi male è molto alta. Non è difficile capirlo; basta guardare come si è comportata la sterlina da un lato e la Banca d'Inghilterra dall'altro lato. Ma il governo May non ha finora dato alcun ascolto all'analisi economica dei

    – di Donato Masciandaro

    Brexit fa le prime vittime: le università inglesi

    Londra - Quando ti affacci all'ingresso della London Business School, una scuola di management a un passo da Regent's Park, «crisi» è l'ultima parola che verrebbe in mente fra laptop, aule tirate a lucido e allievi in arrivo da cinque continenti. Eppure fra i corridoi dell'istituto, dove un

    – di Alberto Magnani

    Bce, i tre motivi per cui Draghi potrebbe prolungare i tassi bassi

    «Stiamo vivendo un momento di debolezza, ma non una vera fase di ribasso del ciclo economico». Mario Draghi, nell'ultima conferenza stampa alla Bce di fine ottobre, era stato chiaro: il rallentamento economico in Europa - aveva detto - è qualcosa di momentaneo. La settimana scorsa il Bollettino

    – di Morya Longo

    Londra, May nomina i nuovi ministri per Brexit e Lavoro

    Dopo aver perso meno di 24 ore fa due ministri e due sottosegretari - fra loro il ministro per la Brexit, Dominic Raab che aveva negoziato l’accordo che poi ha disconosciuto dimettendosi -, ha già nuovi nomi per rimpiazzarli. ... Ecco dunque che il successore di Rabb al ministero Brexit è Stephen Barclay, 46 anni, sottosegretario alla Sanità, sostenitore del Leave non una figura di primo piano con un passato come direttore della Barclays Bank.

    – di Redazione Online

    Brexit, solo un nuovo referendum può rompere l’impasse

    Il copione si sta dispiegando come largamente previsto con l'eccezione di qualche inattesa fuga in avanti. Non erano scontate fino a ieri le dimissioni di Dominic Raab né era certo il guanto di sfida lanciato da Jacob Rees Mogg alla signora premier per nome e per conto dei brexiters più inaciditi.

    – di Leonardo Maisano

    Corbat (ceo di Citigroup): «L'Europa? Per la Bce una sfida difficile»

    Senza contare il nodo di Brexit, dove «non abbiamo avuto scelta se non quella di essere pronti a una hard exit». Citi ha pianificato per «l’inevitabilità» dell’uscita di Londra, ma ammette che esistono ancora più domande che risposte sicure sul cammino verso e dopo Brexit.

    – di Marco Valsania

    Brexit, e ora che succede? Dalla caduta di May al nuovo referendum

    Uno dei tanti, in realtà, quando si scorrono a ritroso i due anni di trattative sulla Brexit. ... Nell’arco di poche ore May ha incassato prima la defezione di due ministri di peso (via il titolare del lavoro Esther McVey e sopratutto il ministro della Brexit, Dominic Raab) e poi la minaccia di una mozione di sfiducia, agitata dall’ultra-euroscettico Jacob Rees-Mogg.

    – a cura di Alberto Magnani

    Perché con la Brexit gli investitori comprano (anziché vendere) i bond inglesi

    Il percorso verso la Brexit prosegue ad ostacoli. ... Gli investitori però amano muoversi in anticipo e quindi stanno già iniziando a prezzare gli effetti di una Brexit, sia che questa risulti “soft” (come nell’accordo approvato dal governo May) sia che diventi “hard” (come auspicato dai ministri dimissionari).

    – di Vito Lops

    Germania, l'auto soffre ma prepara il gran rilancio sull'elettrico

    E' così che l’industria automobilistica tedesca prevede di chiudere un 2018 solido e intanto si prepara con massicci investimenti in R&S e nuove strategie per le grandi sfide del futuro: le auto elettriche ed autonome, la fine del diesel e la lotta contro l’inquinamento, le tensioni sul commercio mondiale a causa del protezionismo Usa, le turbolenze provocate da Brexit e in parte anche dall’instabilità politica in Germania.

    – di I.B.

1-10 di 4973 risultati