Parole chiave

Bretton Woods

Bretton Woods è una località nello stato del New Hampshire negli Usa. Lì si tenne dal 1º al 22 luglio 1944 la conferenza che stabilì le regole per le relazioni commerciali e finanziarie tra i principali paesi industrializzati del mondo. Gli accordi di Bretton Woods fissarono l'obbligo per ogni paese di adottare una politica monetaria tesa a stabilizzare il tasso di cambio ad un valore fisso rispetto al dollaro, che veniva così eletto a valuta principale il piano istituì sia il Fondo monetario internazionale (Fmi) che la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (detta anche Banca mondiale o World Bank) con il compito di ridurre gli squilibri internazionali.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Banca Mondiale | Fmi | Stati Uniti d'America |

Ultime notizie su Bretton Woods

    Nato, Wto, Fmi: l'inesorabile declino delle organizzazioni internazionali

    L'emergere del bipolarismo Usa-Cina - diverso da quello Usa-Urss perché comunque integrato - spinge a un profondo ripensamento delle istituzioni che hanno accompagnato l'emergere della iperpotenza statunitense e la politica di globalizzazione

    – di Riccardo Sorrentino

    Guerra valutaria Cina-Usa: Lagarde, stai attenta

    Giovanni Tria è stato ministro dell'Economia reggendo saldo il timone in momenti difficili, senza mai scomporsi. Da oggi comincia la collaborazione al Sole 24 Ore con una rubrica che verrà pubblicata ogni 15 giorni. Buona lettura (f.ta.)

    – di Giovanni Tria

    I tassi zero resteranno, meglio adattarsi

    Oggi siamo di fronte a un momento altrettanto storico: il capitale non assicurerà più una rendita sicura perché anch'esso non è più un bene scarso. Tutto è iniziato il 15 agosto 1971, quando il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon sospese il sistema di Bretton Woods. Negli anni 70 il Pil

    – di Bernardo Bertoldi

    Super valuta digitale, la strada è in salita

    L'intervento del governatore della Banca d'Inghilterra Mark Carney al Simposio di Jackson Hole solleva diverse questioni già ampiamente dibattute negli anni scorsi: il ruolo delle banche centrali, la funzione del dollaro come valuta di riserva internazionale, l'impatto della globalizzazione

    – di Pietro Reichlin

    Super valuta, chi la regola?

    Dopo Mark Zuckerberg e Christine Lagarde anche Mark Carney, governatore della Banca di Inghilterra ed ex presidente del Financial Stability Board, interviene nel dibattito delle criptovalute, pur senza mai menzionarle direttamente.

    – di Domenico Lombardi

    Super valuta digitale, gli scogli della governance e del controllo

    Dopo Mark Zuckerberg e Christine Lagarde anche Mark Carney, governatore della Banca di Inghilterra ed ex presidente del Financial Stability Board, interviene nel dibattito delle criptovalute, pur senza mai menzionarle direttamente.

    – di Domenico Lombardi

    L'Italia e il G7, una storia che viene da lontano tra crisi e presidenti dimissionari

    Era dimissionario anche Aldo Moro al vertice di Portorico del '76. Poi il primo G7 a presidenza italiana dell'80 a Venezia (anno del Dc 9 Itavia e della strage di Bologna) con Francesco Cossiga presidente del Consiglio prima del regime change dell'anno successivo con il primo repubblicano a Palazzo Chigi, Giovanni Spadolini dopo lo scandalo P2

    – dal nostro inviato Gerardo Pelosi

    L'oro nei forzieri delle Banche centrali: uno sguardo globale

    Mentre le prospettive dell'economia globale continuano a deteriorarsi e si alza l'asticella della conflittualità commerciale tra USA e Cina in procinto di tracimare sui mercati valutari, non dovrebbe essere sorprendente constatare che la domanda di Oro connessa alla sua funzione di bene-rifugio sia

    – di Marcello Minenna*

1-10 di 386 risultati