Parole chiave

Bretton Woods

Bretton Woods è una località nello stato del New Hampshire negli Usa. Lì si tenne dal 1º al 22 luglio 1944 la conferenza che stabilì le regole per le relazioni commerciali e finanziarie tra i principali paesi industrializzati del mondo. Gli accordi di Bretton Woods fissarono l'obbligo per ogni paese di adottare una politica monetaria tesa a stabilizzare il tasso di cambio ad un valore fisso rispetto al dollaro, che veniva così eletto a valuta principale il piano istituì sia il Fondo monetario internazionale (Fmi) che la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (detta anche Banca mondiale o World Bank) con il compito di ridurre gli squilibri internazionali.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Banca Mondiale | Fmi | Stati Uniti d'America |

Ultime notizie su Bretton Woods

    Europa spiazzata dalla nuova via della seta

    E intorno alla Bri stanno sorgendo istituzioni - tra le quali la Asian infrastructure investment bank (Aiib) e gli Istituti Confucio - per promuovere principi e standard nuovi rispetto alla good governance veicolata dalle istituzioni di Bretton Woods.

    – di Andrea Goldstein

    Tutti i danni degli egoismi nazionali

    Un problema che i Paesi che uscivano vincitori dalla Seconda guerra mondiale avevano cercato di risolvere con il sistema monetario di Bretton Woods che ha assicurato quasi tre decenni di espansione senza precedenti. ... L’opposto del “presente alla creazione” con cui un funzionario americano che aveva partecipato alle mitiche tre settimane di Bretton Woods intitolò le sue memorie. ... I più autorevoli economisti hanno sottolineato la necessità di fondare una nuova Bretton Woods...

    – di Marco Onado

    Juncker vuole un euro che competa nel mondo con il dollaro

    L’idea fu poi fatta propria, con alcune modifiche, dallo stesso Fmi che propose nel 2010 la creazione del Bancor (dal nome della valuta proposta da John Maynard Keynes durante le trattative per Bretton Woods).

    – di Riccardo Sorrentino

    #ChinaIssues con Alessia Amighini: la Belt and Road

    In occasione del corso China Issues, in pieno svolgimento presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa da marzo a giugno, #Fuoriclasse pubblica ChinaIssues ovvero una serie di interviste ai relatori del corso. Nelle scorse settimane abbiamo ospitato gli interventi Francesca Spigarelli sulle industrie culturali e creative in Cina, di Georges Haour sull'innovazione, di Kerry Brown su "Grand View: the new era of China" , di Plinio Innocenzi sulla ricerca scientifica in Cina e di Daniele Brombal sul...

    – Alberto Di Minin

    Ricchi sì, ma grazie a un debito troppo alto

    All'inizio degli Anni 60 la ricchezza privata degli italiani si misurava con il possesso di poche, semplici cose: telefono, frigorifero, televisore, lavatrice. Una quaterna che segnava lo spartiacque tra le famiglie normali e quelle benestanti. Oggi, quasi sessant'anni dopo, il mancato possesso

    – di Mattia Losi

    Il tesoro della Bundesbank

    Una montagna alta 270mila lingotti, equivalente a 3.373,6 tonnellate, pari a un valore che orbita attorno ai 117 miliardi di euro. Sono queste le dimensioni e i valori delle riserve auree della Bundesbank, dati a fine 2017, le più grandi al mondo dopo quelle degli Stati Uniti (che superano le 8mila

    – di Isabella Bufacchi

    La vera difesa se tornano i dazi

    Abramo Lincoln aveva un'idea sbagliata, ma dura a morire, delle tariffe doganali. «Quando compriamo all'estero - disse - noi riceviamo i beni e gli stranieri ricevono il denaro, quando compriamo nel nostro Paese, otteniamo sia i beni sia il denaro». L'ignoranza di un elementare principio della

    – di Gianni Toniolo

1-10 di 367 risultati