Parole chiave

Bonus mobili

Con “bonus mobili” si intende la detrazione fiscale per l’acquisto di mobili introdotta come misura una tantum nel decreto legge 4 giugno 2013 e prorogata dalla successive leggi di stabilità. La misura consente di usufruire di una detrazione Irpef al 50 per cento, ripartita in dieci quote annuali di pari importo, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore ad A+, destinati ad arredare un immobile in ristrutturazione, fino a un massimo di 10mila euro

Ultimo aggiornamento 24 ottobre 2017

Ultime notizie su Bonus mobili

    Caldo record, come acquistare un condizionatore con il bonus fiscale

    Comprarsi un nuovo condizionatore senza lavori edilizi ma con la benedizione del fisco: il 50% del costo è detraibile dal'Irpef, in dieci rate annuali. La spesa massima ammessa è di 96mila euro, quindi anche sbizzarrendosi con i modelli più costosi ci stiamo dentro

    – di Saverio Fossati

    Il design si affida a un'agenzia e a una piattaforma nazionale per fare rete

    Un'agenzia nazionale che si occupi della promozione, a cui affiancare una piattaforma attraverso la quale scambiare esperienze e informazioni su progetti europei e finanziamenti. Sono le proposte elaborate dalla commissione insediata dal ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, per consentire

    – di A.Che.

    730 precompilato: la guida agli sconti fiscali

    Ora ci siamo: da giovedì 2 maggio è possibile modificare il modello 730 precompilato. Chi sceglie il fai-da-te può fare tutto dal sito dell'agenzia delle Entrate: da qui si possono inserire i bonus fiscali o i redditi mancanti e, se necessario, correggere i dati precaricati. Poi, una volta

    – di Cristiano Dell'Oste

    Le imprese: un bonus bis per consolidare la crescita

    E' un mondo difficile, per dirla con Tonino Carotone: felicità a momenti e futuro incerto. Neanche il tempo di riprendersi dalla crisi e tornare a crescere, a investire e assumere, che l'allarme per una nuova recessione economica nazionale agita nuovamente il sonno degli imprenditori italiani

    – di Giovanna Mancini

    Bonus casa, ultimo giorno per l'invio dei dati sui lavori 2018. Cosa fare ora

    Scade oggi il termine per l'invio al sito dell'Enea dei dati relativi ai lavori di risparmio energetico "generici", cioè quelli agevolati con il bonus del 50% per il recupero edilizio. Il termine riguarda tutti gli interventi conclusi nel 2018. La scadenza era slittata in un primo momento dal 19 al

    – di Dario Aquaro e Cristiano Dell'Oste

    Le proroghe dei bonus sui lavori in casa: il video con Luca De Stefani

    Continua il percorso di avvicinamento a Telefisco 2019, in agenda il prossimo 31 gennaio, con una serie di pillole-video realizzati insieme ai principali collaboratori del Sole 24 ore su alcuni temi minori di attualità fiscale. In particolare oggi con con Luca De Stefani trattetremo uno dei temi

    Lavori in casa, mobili e giardini: ecco tutti i bonus fiscali di quest'anno

    Recupero edilizio, riqualificazione energetica, acquisto di arredi, sistemazione del verde di giardini e balconi. Chi ha rinviato al 2019 le spese per i lavori in casa, o deve ancora concludere (e pagare) interventi già avviati nel 2018, può star tranquillo: la legge di Bilancio ha prorogato di un

    – di D. Aquaro e L. De Stefani

    Slalom tra pagamenti e invio all'Enea

    Occhio ai metodi di pagamento, ma anche agli obblighi di comunicazione. Oltre allo slalom tra bonifici "parlanti" e ordinari, carte di credito e assegni, richiesti dai vari bonus, quest'anno i privati si trovano a fare i conti anche con una delle novità introdotte dalla manovra del 2018: l'invio

    Bonus casa: i lavori scontati da fare entro fine 2018

    La proroga dei bonus per i lavori in casa è stata annunciata e dovrebbe essere approvata nella prossima legge di Bilancio. Ma solo chi avvia i lavori e paga entro il 31 dicembre è già sicuro di quanto potrà detrarre.

    – di Dario Aquaro, Cristiano Dell'Oste

1-10 di 413 risultati