Parole chiave

Bers

La Bers, Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, nacque all'indomani della caduta del Muro di Berlino per accompagnare la transizione dei Paesi nell'Europa orientale e nell'Asia Centrale. Venne costituita nel 1991, con sede a Londra, soprattutto su impulso dell'allora presidente francese François Mitterrand. Di recente la sua area di intervento si è estesa ad alcuni Paesi della sponda sud del Mediterraneo e alla Turchia.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Presidente francese | Bers | Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo | Turchia | François Mitterrand | Europa |

Ultime notizie su Bers

    La sfida di Kiev, inseguire Varsavia all'ombra di un altro Muro

    La più stretta integrazione con l'Unione Sovietica e poi il conflitto con Mosca hanno complicato lo sviluppo dell'economia ucraina dopo l'indipendenza. Rispetto alla Polonia, l'Ucraina ha avuto meno coraggio nelle riforme ma anche meno sostegno dall'Occidente, mentre gli oligarchi hanno approfittato della debolezza delle istituzioni. E ora, proprio dalla linea del fronte, il nuovo governo Zelenskiy prova a ripartire

    – di Antonella Scott

    Area Bers, crescita in frenata nel 2019 e 2020

    Pesano le difficoltà del settore manifatturiero, e soprattutto dell'automotive, e il rallentamento della domanda cinese di materie prime. In difficoltà la Russia, mentre la Turchia esce lentamente dalla recessione.

    La carica dei quarantenni di Zelenskiy, così riparte l'Ucraina

    Per insegnar loro il mestiere di deputato, li hanno mandati a un campo estivo nei Carpazi. Dodici ore di lezioni al giorno per i 254 debuttanti che da giovedì siedono nei banchi della Verkhovna Rada, il Parlamento unicamerale ucraino che per la prima volta dall'indipendenza del 1991 ha un partito

    – di Antonella Scott

    Un arco sul sarcofago: la sfida per «salvare» Chernobyl comincia 33 anni dopo

    Una struttura unica al mondo, finanziata dalla Bers e da 45 Paesi, ricopre il sarcofago costruito frettolosamente sopra il reattore distrutto la notte del 26 aprile 1986. E' solo il primo passo: la grande sfida ora è smantellare la vecchia copertura e affrontare il materiale radioattivo. Le risposte ancora mancano

    – dal nostro inviato Antonella Scott

    La notte in cui a Chernobyl persero il controllo del reattore n.4

    La fusione del nocciolo del reattore e i due scoppi che ne scoperchiarono il tetto, scaraventando in aria i vapori radioattivi, furono il risultato di errori umani, manovre sbagliate, difetti di progettazione e fatalità

    – dal nostro inviato Antonella Scott

    Fed, Trump sceglie due colombe per i posti vacanti nel board

    Christopher Waller e Judy Shelton sono due economisti con una storia diversa ma una cosa in comune: entrambi sostengono la politica dei bassi tassi di interesse del presidente americano

    – dal corrispondente Riccardo Barlaam

1-10 di 225 risultati