Parole chiave

Autofattura

Possono procedere all’estrazione dei beni da un deposito Iva solo i soggetti passivi identificati ai fini dell’imposta in Italia. Il tributo si paga mediante la procedura di autofatturazione ai sensi dell’articolo 17, comma 2, del Dpr 633/1972. Qualora l’acquisto dei beni sia documentato da fattura, come avviene nel caso in cui gli stessi abbiano formato oggetto di un precedente acquisto intracomunitario da parte del soggetto che li estrae, l’imposta è assolta con integrazione della relativa fattura.

Ultimo aggiornamento 06 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Soggetto passivo |

Ultime notizie su Autofattura

    Senza la fattura elettronica chi compra non potrà detrarre l'Iva

    E' vero che l’articolo 10 del Dl 119/2018 elimina la sanzione anche per l’acquirente che non provvede a emettere l’autofattura denuncia, ma questa situazione difficilmente si può creare, tenuto conto che la sanzione scatterebbe dopo quattro mesi dall’acquisto.

    – di Gian Paolo Tosoni

    Fattura elettronica: i passi per non sbagliare in vista del 1° luglio

    I prossimi due appuntamenti del 1° luglio 2018 e del 1° gennaio 2019 che renderanno obbligatoria la fatturazione elettronica anche tra privati impongono agli operatori economici - siano essi imprese, enti o professionisti - un rapido adeguamento non solo dei sistemi informatici, ma anche dei

    – di Benedetto Santacroce

    Entro il 6 aprile anche lo spesometro del primo semestre 2017

    Entro il 6 aprile è possibile trasmettere anche lo spesometro relativo al primo semestre 2017. Le modalità di trasmissione sono state oggetto di numerose domande in occasione del forum su Facebook del 29 marzo. Sono possibili due soluzioni: la rettifica del file o l'annullamento. In entrambi i casi

    – di Alessandra Caputo e Gian Paolo Tosoni

    Agricoltori esonerati

    I produttori agricoli in regime di esonero che non operano nelle zone montane per le quali è previsto l'esonero, devono comunicare unicamente i dati relativi alle operazioni «attive» mediante l'invio dei dati delle autofatture emesse dai cessionari per loro conto. Tali autofattura vanno incluse tra

    Scambi intracomunitari - Autofatture - Fatture integrative

    Adempimento: Termine ultimo per l'emissione dell'autofattura da parte dei cessionari o committenti di acquisti intracomunitari che non abbiano ricevuto entro novembre 2017 la fattura relativa ad operazioni effettuate a ottobre 2017. ... Termine ultimo per l'emissione dell'autofattura da parte dei cessionari o committenti di acquisti intracomunitari che non abbiano ricevuto entro novembre 2017 la fattura relativa ad operazioni effettuate a ottobre 2017.

    – Scadenziario

    Spesometro, al settaccio i dati dei depositi Iva

    L'importazione di beni con introduzione in un deposito Iva possono seguire, ai fini dello spesometro, strade diverse a seconda se realizzate prima o dopo il 1° aprile 2017, in particolare se dopo tale data i beni formano oggetto di nuove operazioni interne o di trasformazione con incorporazione di

    – di Benedetto Santacroce

    Nello spesometro anche dati generici

    Se non si conosce il codice identificativo fiscale di un privato Ue o extra-Ue ovvero di un operatore economico extra-Ue, ad esempio, perché non è previsto nel Paese estero un identificativo del genere, si può inserire nello spesometro, nel campo "IdCodice", un «qualsiasi estremo identificativo del

    – di Luca De Stefani

    Dai codici la bussola per lo spesometro

    A dieci giorni dalla scadenza del termine per la comunicazione dei dati delle fatture - fissato al 28 settembre - la predisposizione dei file pone ancora diversi dubbi agli operatori. Una delle questioni di maggior rilievo riguarda la codifica delle operazioni senza imposta. Le specifiche tecniche,

    – di Matteo Balzanelli e Massimo Sirri

    Sforamento del plafond Iva: correzioni da concordare

    Quando a sbagliare è l'esportatore abituale che effettua acquisti di beni/servizi senza applicazione dell'Iva per un importo superiore al plafond disponibile, la violazione è regolarizzabile secondo una delle (tre) modalità illustrate nella risoluzione 16/E del 2017.

    – di Matteo Balzanelli e Massimo Sirri

    Reverse charge, sanzioni fisse anche per violazioni fino al 2015

    L'errata applicazione del meccanismo del reverse charge è soggetta alla sanzione fissa a condizione che si tratti di un errore commesso per una operazione ragionevolmente rientrante in tale meccanismo; lo ha precisato la circolare 16/E/2017 di ieri. L'Agenzia è intervenuta sul nuovo regime

    – di Gian Paolo Tosoni

1-10 di 112 risultati