Parole chiave

Auto e redditometro

L'agenzia delle Entrate, ai fini della determinazione sintetica del reddito, considera anche l'auto intestata all'azienda per la parte non ammessa in deduzione. Tuttavia, una delle prime difese riconosciute anche dalla stessa amministrazione è che il contribuente dimostri che le spese per il mantenimento del bene siano effettuate da un soggetto diverso. A ciò dovrebbe conseguire che non devono essere considerati i beni dove è dimostrato che il pagamento è sostenuto dai conti correnti dell'impresa.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Agenzia delle Entrate | Agenzia Entrate |

Ultime notizie su Auto e redditometro

    L'ecotassa spinge leasing e noleggio esteri delle auto di lusso

    Sull'ecotassa auto il governo del cambiamento rischia di fare come quello dell'odiato Mario Monti. Sbagliando anche più di come accadde in quella fine del 2011, quando si inasprì il superbollo sulle vetture potenti. All'epoca, invece di aumentare il gettito, si incentivarono leasing e noleggio con

    – di Maurizio Caprino

    Auto, ecco chi potrà ancora circolare con una targa estera

    Massima discrezione. Era così vent'anni fa e lo è anche adesso: un po' come gli approcci delle banche estere che cercano clienti desiderosi di portare i propri soldi oltrefrontiera, le proposte di società di leasing o noleggio a lungo termine tedesche, spagnole o dell'Est non arrivano con la

    – di Maurizio Caprino

    Redditometro in archivio con le «pagelle» fiscali per le partite Iva

    Più uno spauracchio che un vero strumento di contrasto all'evasione fiscale. Il redditometro messo di fatto in naftalina dall'amministrazione finanziaria è ora in stand by anche in via normativa. Il decreto estivo (Dl 87/2018) del Governo Conte blocca l'utilizzo degli indicatori per la

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    Se il Fisco elettorale dimentica il Fisco reale

    Come era ampiamente prevedibile, insieme a pensioni e lavoro, è il fisco a ritrovarsi in cima ai temi caldi della campagna elettorale. Non c'è da stupirsene. Vuoi perché l'esperienza del passato racconta che proprio su tasse e imposte si è giocato l'esito finale di molte tornate elettorali degli

    – di Salvatore Padula

    Se il Fisco elettorale dimentica il Fisco reale

    Come era ampiamente prevedibile, insieme a pensioni e lavoro, è il fisco a ritrovarsi in cima ai temi caldi della campagna elettorale. Non c'è da stupirsene. Vuoi perché l'esperienza del passato racconta che proprio su tasse e imposte si è giocato l'esito finale di molte tornate elettorali degli

    – Salvatore Padula

    Export con revisione recente

    Ci vorrà almeno un'altra settimana prima che il decreto legislativo sul documento unico dei veicoli - che ridisegna anche i rapporti fra la Motorizzazione e il Pra e introduce parziali modifiche nelle pratiche burocratiche - venga pubblicato sulla «Gazzetta Ufficiale». Il testo, che attua in questo

    – di Maurizio Caprino

    Rc auto valida per i furbetti della targa estera. Anche se la polizza non c'è

    I furbi che circolano in Italia con targa straniera per sfuggire a multe e tasse non hanno neanche particolari problemi di Rc auto: i corpi di polizia italiani non possono contestare loro la mancanza di copertura assicurativa, perché è proprio la targa straniera a coprirli, anche se viene usata

    – di Maurizio Caprino

    Otto mosse per un Fisco a misura di cittadini e imprese

    Il Governo vorrebbe ridurre l'Irpef, e lo farà, anche se con applicazione differita, al 2018 (e quindi primi effetti nel 2019). Ma a ben vedere, potrebbero essere attuati dei provvedimenti fin d'ora, e consentire così una anticipazione di questa importante riduzione.

    – di Giuseppe Rebecca

1-10 di 197 risultati