Parole chiave

Atto di contestazione

È l’atto con cui l’ufficio commina una sanzione per violazioni che non incidono sulla determinazione o sul pagamento del tributo. Deve contenere l’indicazione dei fatti, degli elementi probatori, delle norme applicate e dei criteri seguiti per la determinazione del dovuto. Inoltre, l’atto deve contenere l’invito al pagamento del dovuto con indicazione dei benefici spettanti al contribuente in caso di omessa impugnazione. Entro il termine per proporre ricorso, si può definire la pretesa versando un importo pari a un terzo della sanzione irrogata.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Giustizia | Atto |

Ultime notizie su Atto di contestazione

    La rigenerazione urbana e sociale dei ragazzi del Cinema America

    Quella dei ragazzi del Cinema America è una storia di rigenerazione urbana quasi ante litteram. Quando ancora il tema della riqualificazione degli spazi pubblici era solo roba per addetti ai lavori (architetti o primi guru della sharing economy) e l'idea di una città inclusiva era un'eco lontana

    – di Donata Marrazzo

    Pace fiscale, tutto quello che resta escluso dalle sanatorie

    Sanatorie agevolate ma non per tutti: stando alle bozze del decreto fiscale circolate in questi giorni resta fuori tutta una serie di atti del Fisco molto diffusi. A voler tralasciare la dichiarazione integrativa su cui si è articolato il dibattito politico negli ultimi giorni, le possibili

    – di Gian Paolo Ranocchi

    Vecchie sanzioni sulla privacy sanate con bonifico

    Non è necessario trasmettere al Garante della privacy copia del versamento effettuato e, in caso di contestazione con più violazioni, si può scegliere di definirne in maniera agevolata solo una parte, purché lo si indichi nella causale del pagamento. Sono alcuni dei chiarimenti forniti

    – di Antonello Cherchi

    Allo Stato un ruolo di controllo (effettivo)

    Il crollo di Genova ha aperto un dibattito su responsabilità e azioni da intraprendere, mentre sono ancora da accertare le cause dell'evento.

    – di Cesare Mirabelli

    Assegni sanzionati, giustificabile la buona fede

    Gli istituti di credito ormai rilasciano assegni privi della clausola di non trasferibilità solo a richiesta, ma chi avesse ancora nel cassetto vecchi blocchetti dovrà ancora prestare grande attenzione perché detti titoli, per trasferire lecitamente denaro di importo pari o superiore a mille euro,

    – di Antonio Zappi

    La beffa: ricorso parzialmente accolto. E l'imponibile sale da 7mila a 82mila euro

    Domanda elementare: perché un contribuente decide di ricorrere in Commissione tributaria contro un avviso di accertamento? La risposta è ancor più elementare: per vedersi riconoscere le proprie ragioni e quindi ottenere un annullamento dell'atto di contestazione o almeno un suo ridimensionamento.

    – di Giovanni Parente

    Sul registro il Fisco conferma le pretese

    Non c'è pace sull'imposta di registro applicata nelle operazioni societarie di cessione di azienda, dopo che Corte di cassazione e Agenzia delle Entrate hanno riaperto il fronte: resta, in particolare, l'incertezza sulle operazioni societarie effettuate in passato, con il rischio di

    – di Giovanni Parente

    Visto infedele, sanzione al Caf che non dà corso ai controlli

    Va sanzionato il Caf che rilascia il visto di conformità in modo infedele senza aver effettuato alcun controllo neppure formale della documentazione prodotta circa i dati indicati in dichiarazione dai contribuenti assistiti. A chiarirlo è la Corte di cassazione con la sentenza n. 19952 depositata

    – di Laura Ambrosi

1-10 di 83 risultati