Parole chiave

Associazione per delinquere

L'associazione per delinquere è un delitto contro l'ordine pubblico previsto dall'articolo 416 del codice penale italiano. Con l'entrata in vigore della legge del 13 settembre 1982 numero 646,i casi di associazione di tipo mafioso (mafia, camorra, 'ndrangheta, sacra corona unita) sono disciplinati a parte, dall'articolo 416 bis. Il fatto dell'associazione per delinquere comune si realizza «quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti...». La pena prevista per i promotori è da 3 a 7 anni, per i semplici partecipanti all'associazione da 1 a 5 anni

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Associazione per delinquere | Sacra Corona Unita |

Ultime notizie su Associazione per delinquere

    Corruzione, arrestati due magistrati del Tribunale di Roma

    L'ex pubblico ministero del Tribunale di Trani, Antonio Savasta, ora giudice del Tribunale di Roma, e il suo collega Michele Nardi, pm a Roma, ed in precedenza gip a Trani e magistrato all'ispettorato del Ministero della Giustizia, sono stati arrestati e condotti in carcere su disposizione della

    Maxi confisca di beni per oltre mezzo miliardo di euro all'imprenditore Mauro Balini

    Mezzo miliardo di euro. Tanto ammonta la confisca disposta dal tribunale di Roma per l'imprenditore Mauro Balini già tratto in arresto dalle Fiamme Gialle, nel 2015, per associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta, riciclaggio, impiego di denaro di provenienza illecita e

    – di Ivan Cimmarusti

    Terrorismo, così i capitali «illeciti» passavano dalla Tunisia all'Italia

    I capitali «illeciti» erano portati in Italia «senza passare attraverso i canali bancari, finanziari e doganali». In un sistema ingegnoso di intestazioni fittizie di conti correnti bancari, i trafficanti tunisini di migranti, ma anche di terroristi, erano riusciti a veicolare grosse somme di denaro

    – di Ivan Cimmarusti

    Stadio Roma, vertice in Campidoglio: opera all'esame dell'Aula ad inizio 2019

    Si è tenuta lunedì sera la riunione in Campidoglio sul progetto dello Stadio della Roma a Tor di Valle. L'incontro (previsto inizialmente per martedì) ha avviato l'analisi del parere del Politecnico di Torino sull'opera, con un occhio in particolare al piano trasporti e alla viabilità, che senza il

    – di Andrea Gagliardi

    Droga e gioco online, ecco gli affari della Cupola 2.0

    Mettere a sistema le relazioni, rafforzare il controllo sul territorio, continuare la penetrazione nell'economia, massimizzare i profitti dei grandi business criminali: dalla droga al gioco on line. Con una governance della mafia forte ricostituendo e rendendo operativa quella Commissione

    – di Nino Amadore

    False opere d'arte, anche Sgarbi tra gli indagati. Il critico: «Tutte vere»

    Vittorio Sgarbi è tra i 23 indagati di un'inchiesta condotta dai carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Artistico su una presunta associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione e commercializzazione di opere d'arte contraffatte. Due persone sono finite agli arresti domiciliari.Secondo

    Così il Dl sicurezza frena sulla protezione internazionale

    Il decreto legge prevede anche numerose restrizioni al riconoscimento della protezione internazionale (status di rifugiato o status di protezione sussidiaria).1.Tra i reati commessi dallo straniero che comportano il diniego o la revoca della protezione internazionale sono inseriti ulteriori delitti

    – di Paolo Bonetti

    Casamonica spa, dalle palestre ai ristoranti: così il clan investe a Roma

    Una «rete» di interessi patrimoniali. Dalle palestre ai centri estetici e ristoranti. L'impero del clan Casamonica è sotto l'attenta analisi della Direzione distrettuale antimafia di Roma, che ne sta valutando la ramificazione. La famiglia sinti è accusata di aver creato un'associazione per

    – di Ivan Cimmarusti

    Casamonica, abbattuta la maxi-villa alla Romanina. E Salvini sale su una ruspa

    Abbattuto il simbolo del potere mafioso del clan Casamonica. La maxi villa al quartiere Romanina della Capitale, abusiva dal 2009, crolla sotto la potenza delle ruspe. Il terreno, passato sotto la competenza del Demanio, a giugno scorso è entrato a far parte del patrimonio della Regione Lazio. «Qui

    – di Ivan Cimmarusti

1-10 di 868 risultati