Parole chiave

Area di libero scambio

È un accordo commerciale internazionale fra Stati che si impegnanoa eliminare le barriere tariffarie e non tariffarie limitanti la libera circolazione di beni e servizi tra loro,mache mantenengono una politica commerciale indipendente nei confronti dei Paesi terzi. I benefici derivanti dalla costituzione di un'area di libero scambio sono legati ai guadagni generati dalla maggiore integrazione commerciale (sfruttamento dei vantaggi comparati e dei vantaggi assoluti) e dalla competizione più forte.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Area di libero scambio |

Ultime notizie su Area di libero scambio

    Brexit, parte la registrazione per i beni con i dazi azzerati

    Operativo il portale Rex per le merci «di origine preferenziale», quelle che non pagano tasse alla frontiera. Le opzioni per gli operatori: autodichiarazione, passaggio dai codici Eori, nuova iscrizione o aggiornamento

    – di Benedetto Santacroce e Ettore Sbandi

    La sfida cinese alla leadership Usa passa dagli investimenti in ricerca

    Prima una lotta senza quartiere al virus, poi il sostegno al sistema economico per favorirne la ripresa e infine la definizione di un piano di lungo periodo che tenga conto dell'evoluzione dello scenario internazionale. Questa la strategia messa in atto dal governo cinese, che entro il 2030

    – di Rony Hamaui e Marco Lossani

    Boris alla prova del grande bluff finale

    Manca poco alla scadenza fatale della Brexit e un accordo non è ancora in vista. I bookmaker danno una probabilità 50/50 alla "felice" conclusione della vicenda. E metà/metà è proprio l'impressione che il premier Boris Johnson ha interesse a  lasciare per tenere l'audience con il fiato sospeso. Metà per tranquillizzare, sostenendo che il Governo di Londra ha intenzione di giungere a un'intesa, ma allo stesso tempo metà per mettere in guardia che il Premier britannico è pronto in qualsiasi moment...

    – Marco Niada

    Dal vino al turismo: la Brexit senza accordo vista dalle imprese del NordEst

    Una Brexit senza accordo è ormai una possibilità vicina. Se ne è parlato in Camera di Commercio a Verona, per analizzare i cambiamenti che l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea imporrà alle imprese che commerciano con il Paese. Dal 1° gennaio 2021 cessa infatti la libera circolazione delle persone, delle merci e dei servizi prevista per i Paesi comunitari. Come ha sottolineato il dirigente area affari economici Camera di Commercio, Riccardo Borghero, aprendo l'incontro, "se prendiamo ...

    – Barbara Ganz

    Export, mina Brexit sui prezzi alimentari

    Rincari per la pasta del 6%, più oneri di 20 euro ogni 100 chili, per i sughi +14% . Lamberti (La Doria): «La Brexit penalizzerà il consumatore inglese»

    – da Londra Simone Filippetti

1-10 di 232 risultati