Parole chiave

Aran

L’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (Aran), è un’agenzia italiana che rappresenta legalmente le pubbliche amministrazioni italiane nella contrattazione collettiva nazionale.

Venne istituita nel 1993. L’approvazione dei decreti su pubblico impiego e valutazione dei dipendenti avvenuta ieri rimette in moto la macchina per rinnovare i contratti bloccati dal 2010. A stretto giro è attesa la direttiva che la ministra della pubblica amministrazione Madia invierà all’Aran per dettagliare i criteri-guida delle trattative.

Ultimo aggiornamento 20 maggio 2017

Ultime notizie su Aran

    Contratti collettivi, più della metà sono scaduti

    Il Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro dispone di un archivio presso il quale vengono depositati in copia autentica gli accordi di rinnovo e i nuovi contratti entro 30 giorni dalla loro stipula e dalla loro stesura. Sono 885 (dato aggiornato a tutto giugno). Ne risultano scaduti 504 (il 56,9%); con scadenza successiva al 30 giugno i restanti 381 (il 43,1%)

    – di Andrea Carli

    Dall'acqua pubblica al conflitto di interessi, cavalli di battaglia M5s in standby

    A quasi un mese dalla pesante sconfitta alle elezioni europee, in attesa che il leader leghista Matteo Salvini sciolga la riserva su un possibile voto anticipato a settembre, il M5s fatica a imporre i suoi temi nell'agenda di governo. Dall'acqua pubblica al salario minimo, passando per le chiusure

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Tasse, minibot e salario minimo: il percorso a ostacoli verso la manovra

    Dai minibot, ai numeri di finanza pubblica da portare a Bruxelles, al salario minimo: il governo fatica a trovare la quadra. E' di stamattina il vertice convocato a Palazzo Chigi per condividere la lettera che Conte invierà all'Ue per evitare la procedura d'infrazione. Nella trattativa con Bruxelles

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Da Bayonetta a Zelda: le quote rosa nei videogiochi

    Senza troppi giri di parole, la fan base di videogiocatori del passato è sempre stata per la grandissima maggioranza maschile, come probabilmente è ancora oggi. Secondo l'ultimo sondaggio di Aesvi giocano sia maschi che femmine (56% contro 54%), diciamo che non ci sono barriere di genere. I giocatori si concentrano nelle fasce tra 15-24 anni e tra 45 e 64 anni. In termini demografici in Italia pesano più "gli anziani" dei "giovani" e giocano in modo diverso. Gli ultra-quarantenni prefersicono il...

    – Infodata

    Da Bayonetta a Zelda: la presenza femminile nei videogiochi

    Senza troppi giri di parole, la fan base di videogiocatori del passato è sempre stata per la grandissima maggioranza maschile, come probabilmente è ancora oggi. Secondo l'ultimo sondaggio di Aesvi giocano sia maschi che femmine (56% contro 54%), diciamo che non ci sono barriere di genere. I giocatori si concentrano nelle fasce tra 15-24 anni e tra 45 e 64 anni. In termini demografici in Italia pesano più "gli anziani" dei "giovani" e giocano in modo diverso. Gli ultra-quarantenni prefersicono il...

    – Fabio Fantoni

    Il Tar non ferma le Entrate: arrivano le nomine dei nuovi «quadri»

    Il Tar non ferma le Entrate. Nonostante la sentenza che ha rinviato alla Corte costituzionale la norma istitutiva delle nuove posizioni organizzative a elevata responsabilità (Poer) dopo il ricorso del sindacato Dirpubblica (clicca qui per leggere l'articolo), l'Agenzia ha deciso di andare avanti.

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    Scuola, arriva il nuovo contratto per presidi: aumenti fino a 450 euro

    C'è il via libera del ministro della P.a, Giulia Bongiorno, al contratto per oltre 8mila presidi che «permetterà il quasi totale riallineamento della retribuzione dei dirigenti scolastici a quella delle altre categorie di dirigenti pubblici». Con un aumento medio in busta paga, dice il ministero,

    – di Alessia Tripodi

1-10 di 405 risultati