Parole chiave

Ape

L’Ape è uno strumento che consente di ricevere un assegno mensile, alternativo o complementare allo stipendio, prima della pensione. La versione “sociale” è a carico dello Stato e riservata a lavoratori in difficoltà. Le versioni volontaria e aziendale, invece, comportano un costo per chi ne fruisce. In tutti i casi servono almeno 63 anni di età e la pensione di vecchiaia non deve essere lontana più di 3 anni e 7 mesi.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2017

Ultime notizie su Ape

    Pensioni, da quota 100 a opzione donna: ecco tutte le vie di uscita nel 2019

    Nona possibilità: Ape aziendale e sociale Una possibilità ancora sul tavolo resta l’anticipo pensionistico (Ape) aziendale:  una dote che può essere fornita dal datore di lavoro privato indipendentemente dal numero di dipendenti e senza nessun accordo sindacale, d’intesa e a favore del singolo lavoratore che accede a un Ape volontario. ... Dovrebbe poi essere prororogata per tutto il 2019 anche l’Ape sociale, ovvero il prestito-ponte finanziato dallo Stato per...

    – di Francesca Barbieri

    Meno api ma più miele: un mistero per "Indovina chi viene a cena"

    Nella quinta puntata di "Indovina chi viene a cena", in onda domenica 4 novembre alle 20.15 su Rai3, si parla di api e di miele. Un tema di vitale importanza per la 'buona salute' del nostro pianeta, scrive l'autrice e conduttrice del programma, Sabrina Giannini. Se alla progressiva scomparsa degli insetti impollinatori - in Italia perdiamo 200mila famiglie di api ogni anno - la scienza e la tecnologia cercano di rispondere con piccoli robot volanti, nel frattempo la quantità di miele che finisc...

    – Guido Minciotti

    Pensioni d'oro, ecco chi pagherà il contributo di solidarietà

    Tra i capitoli minori di questo dossier resta la riapertura di “opzione donna” per le lavoratrici con 58 anni e 35 di contributi entro fine 2018, il pensionamento a 41 anni dei precoci, il prolungamento dell’Ape sociale e il riconoscimento di una nuova integrazione al minimo per i lavoratori del sistema contributivo puro, ovvero i più giovani.

    – di Davide Colombo e Marco Rogari

    Bilancio italiano - Cosa rivela una breve rassegna della stampa tedesca

    E' con grande preoccupazione che la stampa tedesca sta reagendo in questi giorni alla scelta esplicita del governo Conte di sfidare gli impegni comunitari. Non passa giorno senza che i grandi quotidiani del paese diano spazio al confronto tra Roma e Bruxelles. L'accento non è messo sulla semplice violazione delle regole, ma piuttosto sulle conseguenze di questa violazione. E' forte la preoccupazione che le posizioni italiane possano mettere in pericolo la stabilità dell'intera zona euro. Second...

    – Beda Romano

    Palio di Siena, il consigliere Rai Laganà: "Fuori luogo trasmetterlo"

    AGGIORNAMENTO DEL 23 OTTOBRE 2018 - IL SINDACO DI SIENA: "ANIMALISTI, BASTA OFFENDERE LA CITTA'" +++ AGGIORNAMENTO DELLE 21.30 - IL CONSORZIO PALIO DI SIENA AI CONTRADAIOLI: "NON RISPONDETE AI SOCIAL NETWORK" +++ "In una Rai che guarda al futuro rivolgendosi soprattutto alle nuove generazioni è spiacevole constatare che si debba ancora oggi trasmettere degli eventi che, seppur legati ad antiche tradizioni, non sembrano più essere compatibili con i valori condivisi della società contemporanea...

    – Guido Minciotti

    La "vespa di Troia" salverà le api?

    Una micro-antenna (tag trasponder), il cui segnale viene rimbalzato a un radar armonico, posizionata sul dorso del calabrone asiatico (conosciuto come "vespa velutina") e fissata con colla ortodontica trasformerà il killer delle api in un cavallo di Troia che potrà annientare i nidi del pericoloso insetto inserito nella black list delle specie la cui diffusione, in Europa, deve essere controllata e contenuta. E' il dispositivo ideato da Marco Porporato (project leader) e Simone Lioy (project man...

    – Guido Minciotti

    Boeri: assegno ridotto del 21% a chi anticipa la pensione a 62 anni

    Un lavoratore che decidesse di andare in pensione con quota 100 a 62 anni e 38 di contributi, in anticipo di cinque anni rispetto all'età di vecchiaia, potrebbe dover rinunciare a circa il 21% rispetto all'assegno che avrebbe preso a 67 anni. Lo ha detto il presidente dell'Inps Tito Boeri in una

1-10 di 1389 risultati