Parole chiave

Anagrafe dei rapporti

L'anagrafe dei rapporti istituito presso l'Anagrafe tributaria, è alimentata dalle comunicazioni periodiche degli intermediari finanziari. Tutti gli intermediari sono obbligati a comunicare l'esistenza dei rapporti intestati, cointestati o su cui i contribuenti hanno facoltà di disporre nonché le operazioni extra-conto. Dall'1 gennaio 2012, gli operatori finanziari sono tenuti a comunicare periodicamente anche tutte le movimentazioni relative ai rapporti finanziari intrattenuti con i contribuenti. I dati e gli elementi contenuti nell'Anagrafe permettono all'agenzia delle Entrate di elaborare specifiche liste selettive di contribuenti da sottoporre a controllo, prima dell'avvio di attività di verifica

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Anagrafe dei rapporti | Agenzia Entrate |

Ultime notizie su Anagrafe dei rapporti

    Libretti al portatore da chiudere entro l'anno, ma attenti ai costi

    Ai fini Isee, non solo per la normativa antiriciclaggio, gli intermediari sono tenuti a comunicate all'anagrafe dei rapporti l'esistenza del libretto di risparmio al portatore in capo all'ultimo detentore noto e quindi a questi fini è come se fossero libretti nominativi a tutti gli effetti.

    – di Gianfranco Ursino

    Dl fisco: dal 2020 parte la dichiarazione precompilata Iva

    Partirà dal 2020 la precompilata per le liquidazioni trimestrali e la dichiarazione annuale Iva. Lo prevede un emendamento M5S al decreto fiscale approvato in commissione Finanze al Senato che recepisce la proposta del direttore dell'Agenzia delle Entrate, Antonino Maggiore. La novità scatta grazie

    Corte conti: le Entrate usano poco i dati antievasione

    L'Anagrafe dei rapporti finanziari, costata ad oggi circa 10 milioni di euro, non viene usata abbastanza dall'agenzia delle Entrate nella lotta all'evasione fiscale. Lo rileva la Corte dei Conti, con la Deliberazione 26 luglio 2017, n. 11/2017/G pubblicata oggi, che ha sottoposto a controllo la

    – di Marco Libelli

    Equitalia, prima l'addio e poi test a fine mese sulla rottamazione

    La data più vicina sul calendario è quella di sabato, quando Equitalia uscirà di scena. Al suo posto subentrerà l'ente pubblico economico Agenzia delle Entrate-Riscossione. Ma luglio si preannuncia molto intenso sul fronte della riscossione. Perché sull'operazione c'è pendente un ricorso del

    – di G.Par.

    Come cambierà la riscossione: incrocio dei dati a supporto dei pignoramenti sui conti

    Più poteri sarà sinonimo di maggiore invasività nei contribuenti o di una maggiore capacità di selezione per "non sparare nel mucchio"? Le chiavi di lettura delle ultime ore sembrano molto distanti. Le opposizioni, in particolare il Movimento 5 Stelle, torna a ribadire che l'addio a Equitalia è

    – di M. Mobili e G. Parente

    Equitalia cerca la svolta: più banche dati e azioni mirate

    Ricordate il gioco di enigmistica "unisci i puntini"? Bene, è un po' il modo per tracciare quello che potrebbe essere la riscossione da qui a poco. Appena chiusa la prima fase della rottamazione delle cartelle, già si delineano nuove sfide per Equitalia che, considerazione non da poco, dal 1°

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    Il difficile addio agli studi di settore

    Il superamento degli studi di settore e la loro sostituzione con nuovi indici di affidabilità fiscale è un'operazione articolata i cui effetti dipenderanno dalla tempistica e i criteri adottati per il superamento degli studi, dal tipo di dati che verrà utilizzato per costruire i nuovi indicatori e

    – di Alessandro Santoro

1-10 di 70 risultati