Parole chiave

America First

La strategia del presidente Donald Trump che, sul fronte commerciale, è finalizzata a ridurre il forte deficit tra import ed export con tre tipi di azioni: l’uso più aggressivo di alcuni strumenti previsti in ambito Omc (Organizzazione mondiale del commercio), come i dazi antidumping, la preferenza ad accordi bilaterali nei quali gli Usa possono far valere meglio la forza negoziale e la messa sotto accusa dei Paesi con i maggiori surplus commerciali

Ultimo aggiornamento 21 settembre 2017

Ultime notizie su America First

    Interazione fra libero scambio e democrazia

    Tre rondini bastano a far primavera? Il G20 di Osaka ha prodotto tre buone notizie sul commercio internazionale, ma non credo che la bussola sia ancora tornata a puntare lontano dai rischi e dalle incertezze del crescente protezionismo. Quale sarà la strada futura dipenderà da come evolverà il

    – di Giorgio Barba Navaretti

    America First o Alone? Anatomia della politica commerciale di Trump

    L'autore del post è Bernardo Mottironi, nato nel 1994 a Roma. Frequenta il PhD in Economics alla Lse, dopo essersi laureato in Bocconi ed essere stato assistente di ricerca presso la Bce. E' senior fellow del think tank Tortuga, tramite il quale pubblica questo contributo. Dopo Cina e Messico è la volta dell'Europa di Mario Draghi, ultimo bersaglio dei recenti tweet "mercantilisti" di Donald Trump. Queste esternazioni al di fuori del protocollo, a cui il presidente ci ha ormai abituati, accompag...

    – Tortuga

    Commercio, perché l'accordo Usa-Uk conviene soltanto a Trump

    Un grande accordo commerciale tra Stati Uniti e Regno Unito. Nella sua visita a Londra, il presidente Donald Trump rilancia una vecchia suggestione, resa più vivida dalla prospettiva della Brexit, soprattutto agli occhi degli euroscettici (non solo inglesi). Un trattato di libero scambio sarebbe il

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Uomini=dazi: la cinica equazione di Trump per fermare i migranti dal Messico

    A voler restare il più possibile neutri (e cinici) si può semplicemente osservare che l'ultima minaccia di Trump al Messico è contraddittoria. Smentisce l'accordo di libero scambio da poco e con grande fatica rinegoziato in sostituzione del defunto Nafta. Gli Stati Uniti applicano ritorsioni

    – di Attilio Geroni

    Se anche Trump chiede all'Italia di cambiare rotta

    C'è osservazione e osservazione. L' Italia, i panni di "osservata speciale" li veste non da oggi. Debito e deficit pubblici, crescita e produttività stagnanti da vent'anni, basso tasso di occupazione, giustizia lenta, infrastrutture al palo. L'elenco potrebbe continuare a lungo. E l'Europa, come è

    – di Guido Gentili

    Dai chip all'auto: così Trump ora sfida gli equilibri globali

    NEW YORK - "World war web". Parafrasando l'acronimo della rete, qualche mese fa la copertina di Foreign Policy preannunciava quanto sta avvenendo. Internet è nata negli Stati Uniti. Negli ultimi decenni ha spinto la crescita mondiale e cambiato la vita di tutti. La Cina nella sua lunga marcia di

    – di Riccardo Barlaam

    Il palco sovranista di Milano e il cul de sac dei conti pubblici

    L'obiettivo è noto e Matteo Salvini lo ripeterà sabato dal palco di Milano: il voto alla Lega per cambiare l'Europa e far saltare gli equilibri che hanno governato l'Unione finora. Sull'immigrazione ma anche sull'economia. Accanto a lui ci saranno i rappresentanti dell'alleanza sovranista, a

    – di Barbara Fiammeri

    Usa-Cina, scattano i dazi americani. Trump: «Accordo ancora possibile»

    NEW YORK - «Chi è prudente sarà vittorioso». Nell'Arte della Guerra, antico manoscritto di arte militare, Sun Tzu duemila e cinquecento anni fa insegnava la resilienza, la capacità di andare avanti e resistere alle avversità per vincere, infine, i conflitti. In queste ore il vice premier cinese Liu

    – di Riccardo Barlaam

1-10 di 334 risultati