Parole chiave

Akp

È il Partito per la giustizia e lo sviluppo, in turco Adalet ve Kalkinma Partisi. Di orientamento islamico e conservatore è stato fondato nel 2001 dalla fusione tra più forze politiche. Alle elezioni del 2002 la formazione ha ottenuto il 34,3% dei consensi (ma il 66% dei seggi in Parlamento, grazie alla legge elettorale con sbarramento al 10%). Il suo presidente, Recep Tayyip Erdogan, è dal 2003 il primo ministro della Turchia

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Primo ministro | Recep Tayyip Erdogan | Turchia |

Ultime notizie su Akp

    Turchia, Moody's taglia il rating e la lira va in sofferenza

    Recep Tayyip Erdogan il 13 gennaio 2017 aveva definito alcuni degli investitori internazionali senza mezzi termini "terroristi". Chi parlava era il leader dell'Akp, il partito di governo filo-islamico da 18 anni al governo senza interruzioni che aveva sconfitto i militari custodi della laicità del Paese della Mezzaluna sul Bosforo e che si era sbarazzato di qualsiasi figura che nel partito lo avrebbe potuto contrastare, dall'ex presidente della Repubblica, il moderato Abdullah Gul all'ex ministr...

    – Vittorio Da Rold

    Turchia, dopo un anno aumenta la popolarità del sindaco di Istanbul, Imamouglu, l'anti-Erdogan

    E' passato un anno dalla clamorosa vittoria a Istanbul di Ekrem Imamoglu, primo candidato sindaco di opposizione a imporsi dopo un quarto di secolo nella città più grande e più ricca della Turchia contro le forze del presidente neo-ottomano Recep Tayyip Erdogan che non ha mai spesso di intralciarne il successo. Esponente del socialdemocratico e laico Chp, il partito del fondatore della Turchia moderna Kemal Ataturk, sostenuto in modo diretto o indiretto da un'ampia coalizione che andava dai nazio...

    – Vittorio Da Rold

    Turchia, svolta controversa del Parlamento che dà più poteri ai "bekci"

    Un nuovo segnale di stretta autoritaria in Turchia viene dall'approvazione in parlamento di una legge molto contestata. La Camera unica di Ankara ha approvato con una maggioranza dei voti del partito filo-islamico Akp di Erdogan e dell'MHP ?del professor Devlet Bahçeli, il partito nazionalista, una formazione una volta vicino al movimento dei Lupi Grigi, un disegno di legge che accorda ampi poteri ai "bekci", i "vigilanti di quartiere" che saranno ora dotate di armi da fuoco e di poteri simili a...

    – Vittorio Da Rold

    Turchia e Russia sempre più divise: dopo la Siria ora tocca alla Libia

    La Libia sta diventando sempre più in un campo di battaglia dove la Russia di Vladimir Putin e la Turchia di Recep Taiyyp Erdogan, al potere da 18 anni consecutivi, si trovano, come avvenne con la Siria, su fronti contrapposti nonostante Ankara abbia buoni rapporti con Mosca al punto da aver acquistato sistemi missilistici russi S-400 nonostante la ovvia contrarietà Nato e degli Stati Uniti che hanno bloccato ogni aiuto economico a sostegno della lira turca come ritorsione. Tripoli ha lanciato ...

    – Vittorio Da Rold

    Turchia Football Club: come Erdogan cerca di piegare il calcio alla ragion di stato

    Calcio e politica sono un binomio sempre più indissolubile nella Turchia del Sultano Erdogan. E' come se il patriottismo repubblicano di Kemal Atatürk si fosse trasformato, con il trascorrere degli anni, in un nazionalismo militante, la cui incarnazione più iconica e mediaticamente suggestiva è costituita dalle gesta e dalle prese di posizione dei calciatori. Il saluto militare dei giocatori della Nazionale al termine della partita vinta contro l'Albania, nelle stesse ore in cui si scatenava l'...

    – Marco Bellinazzo

    Turchia Football Club: come Erdogan cerca di piegare il calcio alla ragion di stato

    Calcio e politica sono un binomio sempre più indissolubile nella Turchia del Sultano Erdogan. E' come se il patriottismo repubblicano di Kemal Ataturk si fosse trasformato in un nazionalismo militante, la cui incarnazione più iconica e mediaticamente suggestiva è costituita dalle gesta e dalle prese di posizione dei calciatori

    – di Marco Bellinazzo

    Turchia, il miracolo economico sfuggito dalle mani di Erdogan

    «Chi conquista Istanbul, conquista la Turchia. Chi perde Istanbul, perde la Turchia». Durante la campagna elettorale di marzo, in cui si era speso in prima persona, il presidente turco Recep Tayyp Erdogan amava ripetere questo slogan. Alla fine Istanbul l'ha persa.Il suo candidato, l'ex premier

    – di Roberto Bongiorni

1-10 di 472 risultati