Parole chiave

Addendum Bce

Il 4 ottobre scorso la Bce ha pubblicato in consultazione l'addendum alle linee guida sulla gestione dei crediti deteriorati da parte delle banche europee. Nel dettaglio, si prevedono svalutazioni automatiche per il 100% del loro ammontare dei crediti deteriorati non garantiti (dopo due anni) e di quelli garantiti (dopo sette anni) ma solo per i crediti che sarebbero entrati in sofferenza dal primo gennaio successivo.

Lo scorso 15 marzo Francoforte ha precisato che si aspetta che le banche coprano integralmente i futuri crediti deteriorati in un periodo compreso fra due anni (per quelli non garantiti) a sette anni per quelli garantiti. Si tratta di disposizioni «non vincolanti» che si applicheranno sugli Npl emersi dal primo aprile 2018. La Vigilanza bancaria «discuterà con le singole banche gli eventuali scostamenti dalle aspettative sugli accantonamenti prudenziali indicate nell'addendum».

Ultimo aggiornamento 03 aprile 2018

Ultime notizie su Addendum Bce

    Mps, BancoBpm, Ubi e Bper: al via il grande riassetto nelle banche

    Quattro banche di media dimensione in Italia sono troppe? Mps, Ubi Banca, BancoBpm e Bper: entro un anno i quattro gruppi bancari diventeranno due, dopo l'auspicato (dalla Vigilanza europea) ma sempre rinviato processo di aggregazione? Due eventi in calendario nelle prossime settimane, sommati al

    – di Alessandro Graziani

    Banche italiane, pronta la cura per gestire 52 miliardi di crediti a rischio

    Dopo la forte riduzione dello stock di Non performing loans (Npl) avvenuta negli ultimi tre anni, con un calo dai 341 miliardi del picco di dicembre 2015 ai 209 miliardi di settembre 2018, la tendenza al derisking proseguirà anche nel 2019 che sarà l'anno di svolta per quella particolare categoria

    – di Alessandro Graziani

    Il diktat Bce sui crediti deteriorati manda ko Mps (-10%). Giù anche le altre banche

    Banca Mps giù del 10%, indice Ftse Italia banche in discesa con nette correzioni per Banco Bpm (-2,4%), Ubi Banca (-2,35%) e Banca Pop Er (-3,85%) , Unicredit(-1,9%): è questo l'effetto della "mossa" Bce emersa dalla bozza degli Sprep 2019 relativa all'istituto senese ma che mette in apprensione

    – di Andrea Fontana

    Passera: «Nel 2019 fusioni fra banche di taglia media per la spinta fintech»

    «Le banche italiane hanno ormai superato i tre grandi problemi generati dalla crisi finanziaria ed economica post-2008. Ma già a partire dal 2019, e negli anni a venire, ad andare in crisi sarà l'attuale modello bancario. L'impatto delle nuove tecnologie digitali, l'entrata pervasiva nel settore

    – di Alessandro Graziani

    Europa e Stati Uniti più lontani sulle regole per le banche

    Sulle regole per banche e mercati finanziari il mondo occidentale va a due velocità. Se l'Europa dopo il 2008 ha deciso di stringere in maniera decisa la chiave delle normative bancarie per ridurre al minimo i nuovi focolai di crisi, gli Stati Uniti sembrano avere già dimenticato la lezione dei

    – di Riccardo Barlaam e Luca Davi

    Banche, l'Abi: l'addendum Bce su crediti deteriorati va migliorato

    Per l'Abi, l'associazione bancaria italiana, l'addendum Bce sui crediti deteriorati va migliorato: occorre superare i disallineamenti con la Ue. Il comitato esecutivo dell'Abi - si legge in una delibera approvata all'unanimità al termine della riunione che si è svolta oggi - «constata i

    – di Redazione Roma

    Npl,Tajani: il parlamento europeo valuterà la coerenza dell'Addendum Bce

    «Il Parlamento europeo valuterà la coerenza del contenuto» del nuovo Addendum della Bce sugli Npl (Non performing loans, i crediti deteriorati Ndr) «con il rispetto dei poteri del legislatore. Ad una prima lettura - ha spiegato il presidente Antonio Tajani -, la Vigilanza sembra tenere conto delle

    – di Redazione Roma

    Addendum Bce,i rischi che incombono sulla crescita dell'economia italiana

    Una delle più importanti "lezioni della crisi" ovvero quel sapere duramente acquisito grazie alla più grave depressione della nostra storia, riguarda la necessità di evitare i cosiddetti effetti pro-ciclici, al momento di varare nuove regole per contenere l'instabilità finanziaria futura. E'

    – di R. Bocciarelli

    Dall'addendum Bce i rischi per il credito

    In un'Europa sempre più divisa sull'avanzamento dell'Unione bancaria, l'unico momento di coesione che a Bruxelles si è riusciti a trovare riguarda il trattamento dei non performing loans (Npl) nei bilanci bancari che, come noto, pesano soprattutto sugli istituti di credito italiani. La proposta

    – di Alessandro Graziani

    Tassi su, gli investitori tornano a puntare sulle banche italiane

    Per le banche italiane sta cambiando lo scenario di mercato. Da qualche settimana è in corso un re-rating del settore da parte degli investitori internazionali. Accantonati i timori per gli Npl ormai in drastico calo, per la nuova regulation che sarà più soft del previsto e per il rischio Italia

    – di Alessandro Graziani

1-10 di 34 risultati